Il bambino e il poliziotto

Il poliziotto riceve una chiamata, è un bambino che dice di voler scappare di casa. L'agente, sentendolo sconvolto si reca all'abitazione del bambino per consolarlo, ma quando vede la sua stanza da letto, resta di pietra.

Home > Attualità > Il bambino e il poliziotto

Generalmente la vita dei bambini consiste nel frequentare la scuola, fare i compiti, giocare con gli amici, godere delle attività ricreative in famiglia mentre hanno la cura e la protezione dei genitori che garantiscono la loro salute e benessere in ogni momento. Ma sfortunatamente, questa premessa non è sempre la realtà.

Per alcuni minori la vita è una grande sfida anche con responsabilità e avversità difficili da affrontare anche per un adulto. Cameron Simmons, 13 anni, ha chiamato i servizi di emergenza della Carolina del Sud e ha detto all’ufficiale di polizia che ha risposto che voleva scappare da casa. Durante la conversazione telefonica ha espresso che non voleva continuare a vivere nella sua casa, ascoltandolo così afflitto e preoccupato, il funzionario Gaetano Acerra ha deciso di recarsi a casa del bambino. Quando arrivò lo invitò a sedersi a parlare, Cameron gli disse che sua madre lo aveva rimproverato per aver usato un videogioco di suo fratello maggiore, ma dietro quell’incidente nascondevano più problemi. Cameron chiese al poliziotto di entrare a vedere la sua stanza, e il poliziotto non riuscì a credere a quello che trovò: era completamente vuota, non aveva mobili, non aveva un letto per dormire e i suoi vestiti erano in un sacco della spazzatura nero. Il ragazzo spiegò che avevano affrontato un brutto momento e che dovevano trasferirsi dal Texas alla Carolina del Sud per poter assistere un membro della famiglia che era malato. L’ufficiale era talmente commosso dalla situazione che decise di fare qualcosa al riguardo, e senza che la famiglia lo sapesse, ha preparato una sorpresa per loro.

Per settimane ha collezionato mobili e giocattoli per i bambini. Riuscì ad acquistare una scrivania, un letto e una console per videogiochi con giochi per Cameron.

Lui e suo fratello ora avevano mobili nelle loro stanze e un tavolo da hockey in modo da poter giocare insieme, quando Cameron vide quello che l’agente di polizia aveva fatto per aiutarlo, lui e la sua famiglia scoppiarono in lacrime.

Il bambino lo ringraziò per la sua solidarietà e disse: “Adesso non mi ferirò la schiena quando dormirò”. L’agente Acerra non si aspettava che la sua azione fosse pubblicizzata dai media, ma il suo gesto fu reso pubblico e attirò l’attenzione di molte persone.

Dichiarò: “Non l’ho fatto per pubblicità, o, sai, per far sì che le persone mi notassero, l’ho fatto perché potevo ed era la cosa giusta da fare; Penso che le persone dovrebbero fare più cose come questa “.

Sicuramente ha lasciato un segno indelebile su Cameron e la sua famiglia, offrì al bambino il tempo di parlare e di dargli il conforto di cui aveva tanto bisogno e non soddisfatto di ciò, migliorò la sua qualità di vita rendendo la sua stanza uno spazio decente. La solidarietà ci fa riprendere fede nell’umanità, c’è molto da fare per aiutare chi ne ha più bisogno. Condividi questa storia emozionante.