Il bambino era solo e piangeva

Il bambino era solo e piangeva. Il poliziotto lo ha visto e si è diretto verso di lui. La mamma del bambino che stava arrivando, ha visto la scena ed è rimasta a distanza per vedere ciò che sarebbe successo. Poco dopo migliaia di persone hanno condiviso l'accaduto

Home > Attualità > Il bambino era solo e piangeva

Dietro l’uniforme della polizia e il loro rigido e severo atteggiamento che adottano, si nascondono gli esseri umani sensibili con una vocazione al servizio. Nel loro lavoro quotidiano combattono per il bene comune e lavorano con coraggio, anche se in alcuni casi mettono le loro vite in pericolo a favore della giustizia, eccezioni a parte.

Spesso partecipare a una disperata richiesta di aiuto significa anche offrire molto più di ciò che compete al loro lavoro, aiutare chi ha bisogno, come il caso recente che si è diffuso nelle reti, dove un ufficiale ha sorpreso un bambino afflitto di 13 anni, regalandogli dei mobili per la sua casa. Recentemente, il gesto di Doug Goodman, un ufficiale che frequentemente incontra i bambini della scuola elementare di Hayden Meadows per offrire guida e aiuto, è diventato virale. Per lui, la scuola rappresenta un’estensione della sua famiglia, è molto ammirato e amato dagli studenti e dallo staff. Un mercoledì mattina, Goodman stava facendo i suoi servizi guardando il traffico dalla sua auto di pattuglia quando ha visto qualcosa che gli ha fatto interrompere il suo lavoro, sedersi e prendere appunti. Notò uno studente che piangeva, con i capelli disordinati e con il berretto, era molto triste perché suo fratello maggiore, che frequentava la stessa scuola, lo aveva lasciato da solo. Scese dalla sua auto per confortarlo, si abbottonò il cappotto e gli offrì la calma di cui aveva bisogno. Lo accompagnò e si sedette per parlare con lui, sollevò il cappuccio e lo aiutò a scaldarsi le mani. Mentre accadeva tutto ciò, la madre del bambino stava guardando senza che l’ufficiale se ne accorgesse, osservava con stupore e ammirazione il gesto della polizia con suo figlio ed era così commossa e grata che voleva condividerla sul suo profilo Facebook.

“Questo ufficiale si chiama Doug, ha il numero 34 sulla sua carta d’identità, ed è uno degli esseri umani più incredibili che abbia mai incontrato. Fa sempre in modo che i bambini siano protetti, facendo sempre tutto il possibile per servire gli altri ” , ha detto.

“Volevo condividerlo perché ha fatto un atto di gentilezza che ha sciolto il mio cuore in quella fredda e amara mattinata, e per me ciò non accade spesso”, ha continuato la madre.

Per il bambino, questo ufficiale è come il suo altro fratello maggiore, gli ha dato sicurezza, compagnia e supporto nel cercare di comprendere i bisogni di un bambino della sua età .

Vorrei che tutti potessero riconoscere l’importanza di trattare i bambini con l’ amore e il rispetto che meritano senza che nessuno se ne approfitti solo perché sono dipendenti e vulnerabili. Dipende anche da questo se si vuole costruire quel mondo di pace e con valori che tutti noi sogniamo.

Condividi il gesto di questo problema ufficiale che ha spostato migliaia di persone.