Il corpo sente la morte

Sebbene la maggior parte delle persone non lo sappia, la scienza è riuscita a scoprire che i nostri corpi sono capaci di sentire la morte. Non solo nel senso di odore che ci abituiamo a sentire, perché certamente, anche se possiamo percepirlo attraverso i nostri sensi come succede con qualsiasi altro odore, sarebbe impossibile definirlo in base a precedenti correlazioni.


Il fetore della morte è qualcosa che da una parte percepiamo dall’esterno, e dall’altra il nostro cervello interpreta ricorrendo a meccanismi inconsci che non rispondono a una logica razionale. È complesso, ma vero. La verità è che nelle nostre vite abbiamo notizie di migliaia di odori diversi, che provocano delle reazioni corporee e che alterano il nostro stato fisico anche se non sappiamo davvero come interpretarli attraverso il ragionamento logico. Il corpo umano è in grado, ad esempio, di rilevare l’esposizione alla chemioterapia, che provoca varie reazioni nel nostro corpo come un senso di minaccia e di rifiuto che non siamo in grado di spiegare perché avvengono. Qualcosa di simile accade con l’odore della morte, e la reazione che provoca è molto simile a quella che provoca negli animali. Uno studio recente ha dimostrato che, quando sono esposti all’odore di putrefazione, gli animali, da una parte associano l’aroma al fatto che un predatore, situato più in alto nella catena alimentare, si trovi nelle vicinanze e, d’altra parte, percepiscono che la presenza di patogeni vicini, potrebbero mettere in pericolo le loro vite. Pertanto, in entrambi i casi gli animali reagiscono allontanandosi dal luogo.

In nessun caso, gli animali vogliono rischiare di restare feriti o potenzialmente uccisi. Per quanto riguarda gli esseri umani, l’esperimento effettuato era un po ‘diverso e si articolava attorno a quattro aspetti diversi. Da un lato, la sorveglianza. Nel primo esperimento, i responsabili dello studio hanno sorvegliato degli individui, esponendoli all’odore di putrescina. Hanno anche fatto uso di ammoniaca e acqua per esporre altri partecipanti.

Quando esposti a questa sostanza, la maggior parte dei partecipanti, ha reagito molto più rapidamente rispetto a quando sono stati esposti all’ammoniaca con acqua. Odore simile, ma reazione diversa. In effetti, il cervello è complesso e nasconde una logica che la nostra ragione non conosce. Il secondo esperimento ha preso forma attraverso l’esposizione di un gruppo di persone all’odore di putrescine, a cui è stato chiesto di classificarlo in base al loro disgusto, intensità e familiarità. Si è misurato anche la velocità con cui si allontanavano dal luogo più di 80 metri.

I risultati dell’esperimento dimostrarono che quelli che potevano odorare e familiarizzare con l’aroma della putrescina si allontanarono molto più velocemente di quelli che non erano sicuri dell’odore. Questo dimostra che l’odore evoca un senso di fuga. In un altro esperimento, i ricercatori hanno dato ai partecipanti il compito di terminare le parole poco dopo essere stati esposti all’odore. I risultati hanno mostrato che l’aroma della putrescina ha indotto i partecipanti a usare costantemente parole di fuga e parole minacciose.

L’esperimento finale ha permesso ai partecipanti di esporsi all’aroma e gli è stato dato un testo da leggere mentre l’aroma era presente. Dovevano valutare l’autore del testo dopo averlo letto. Nonostante non siano stati in grado di determinare l’odore della putrescina, i partecipanti hanno sicuramente mostrato un atteggiamento difensivo ed estremamente ostile nei confronti dell’autore. I risultati hanno mostrato che l’esposizione all’odore ha evocato comportamenti difensivi.

Ora che sai che il tuo naso ha la capacità di sentire quando sei vicino alla morte, non dovresti mai ignorare i seguenti segnali che il tuo corpo ti sta mandando, poiché possono salvarti la vita. Ci riferiamo ai cambiamenti nella respirazione (si prega di fare attenzione con il modello respiratorio chiamato Cheyne-Stokes, per cui la respirazione è molto profonda e rapida, seguita da brevi respiri e quindi un periodo di non respirazione), delirio, sonnolenza e cambiamenti nella pelle. Sono reazioni inconsce e incontrollabili del nostro corpo, quando siamo vicino alla morte.