Il dottore chiede alla madre del suo piccolo paziente, di alzare il velo

Il dottore chiede alla madre del suo piccolo paziente, di alzare il velo per capire bene i sintomi del bambino. Ciò che è successo subito dopo a causa di quella richiesta, lo ha lasciato devastato

Home > Attualità > Il dottore chiede alla madre del suo piccolo paziente, di alzare il velo

Ci sono professioni che hanno un grado di impegno che va oltre la vita come quella della medicina. È davvero essenziale non solo avere la conoscenza, ma la vocazione al servizio. Keith Wolverson, 52 anni, un medico di famiglia accusato di aver chiesto a una donna musulmana di sollevare il velo per sentire meglio cosa aveva da dire sui sintomi della figlia di 5 anni, che era la paziente.

Il Dr. Keith sentì il suo cuore accelerare dopo aver trovato una grande busta con il sigillo del General Medical Council (GMC). Riconobbe di aver paura delle conseguenze dopo aver letto ciò che GMC aveva ordinato. Questa indagine lo lasciò completamente sorpreso. Sapeva che sarebbe stato oggetto di un’indagine per discriminazione razziale e avrebbe potuto perdere la licenza per continuare ad esercitare ciò che per 23 anni ha fatto con tanta passione e vocazione.

Tutto accadde nel maggio 2018, quando lavorò al suo solito turno al Royal Stoke University Hospital, ed era stato consultato da una donna musulmana che indossava un velo integrale. Questa donna ha portato sua figlia di 5 anni dal medico per curare il suo mal di gola, ma secondo il medico, la voce della madre era attutita dal velo ed era molto difficile da capire. Il dottore gli ha chiesto gentilmente di toglierlo. Ha detto che non c’era alcun segno che la madre fosse turbata durante la consultazione, ma ha detto a suo marito che pensava che il medico fosse furioso e mezz’ora dopo suo marito venne in clinica e fece una scena di rabbia.

Un anno dopo, il GMC riferì che avrebbe avviato un’indagine formale sull’incidente. Ma la verità è che questa è una minaccia di grande impatto nella sua vita sia professionale che personale. Il Dr. Keith non è stato in grado di lavorare presso il Royal Stoke University Hospital da giugno e ha intenzione di abbandonare la medicina, nonostante abbia una prestazione impeccabile di 23 anni di pratica generale.

“Ho pensato, non ho intenzione di essere una vittima qui. Posso sentirmi dispiaciuto per me stesso, o posso essere un inglese onesto che si alza in piedi. ” Quindi scelse l’ultima opzione e ddisse che per lui era un enorme errore giudiziario. Il medico ha deciso di pubblicare il suo caso sui social network nonostante avesse paura di essere esposto di fronte a un pannello disciplinare per questa accusa.

Ha avviato la petizione per le firme sul sito web change.org, per evitare il licenziamento. In pochi giorni questa iniziativa ha raggiunto più di 59.000 firme di sostenitori per essere esonerati dicendo che il dottore agiva nel migliore interesse della figlia e che non c’era discriminazione religiosa o razziale. Il dottore ha detto che per anni ha curato i pazienti musulmani ai quali ha chiesto di togliere il velo per ascoltare meglio. Una comunicazione fluida è molto importante.

Dr. Amra Bone, leader ricercatore e unico giudice tribunale islamico britannico nella Sharia dice che non è obbligatorio che le donne musulmane vadano a volto coperto, in base a quattro principali scuole sunnite di giurisprudenza islamica. Piuttosto, per alcuni, è una scelta personale che deve essere rispettata. Tuttavia, lei crede che ci dovrebbe essere un’indagine su ciò che è accaduto per stabilire la verità della questione, evitare la ripetizione con la formazione alla consapevolezza culturale per i professionisti e non dover ricorrere a punizioni inutili.

Il dott. Keith afferma che il caso gli ha causato uno stress tremendo e imbarazzo, e ha messo a dura prova il suo matrimonio e nel frattempo ha un reddito modesto nel somministrare cure per raffreddore da fieno e dolori articolari a clienti privati.  Condividi questa notizia e facci sapere il tuo commento su questo “caso storico” come lo chiama il Dr. Keith.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI