Il dottore ha sbagliato

"Suo figlio respira perfettamente" - Young perde la vita soffocando dopo che il medico del pronto soccorso gli chiude la chiamata

Home > Attualità > Il dottore ha sbagliato

Questo giovedì si è svolta una conferenza stampa organizzata dall’Associazione dei difensori  dei pazienti nella città di Madrid, in cui sono stati trasmessi gli audio che rivelano un caso scioccante di negligenza medica. Un caso come pochi, un caso che ha messo in pausa il pubblico presente. Una giovane vita è stata spezzata da un destino crudele.

Questa è la registrazione delle chiamate fatte dalla madre di Aitor, un ragazzo di 23 anni, al servizio di emergenza SUMMA 112 (servizio di emergenza medica di Madrid), dopo essersi sentito male. Non ricevette l’attenzione a cui aveva diritto e culminò nella sua sfortunata morte pochi giorni dopo.Gli eventi sono accaduti nel 2018 a Navalcarnero, ma sono venuti alla luce dopo il risarcimento che la famiglia ha rivendicato giustizia. Sebbene i professionisti di SUMMA affermino di aver seguito i protocolli indicati, la realtà era completamente diversa e il giovane è morto perché il medico che ha risposto alla chiamata non ha prestato la dovuta attenzione e ha descritto il giovane come “toccato da qualcosa” . In realtà non riusciva a respirare e ciò che aveva non era altro che un trombo nel polmone che non poteva essere rilevato.

È inevitabile provare sentimenti di impotenza e indignazione quando si ascolta la madre disperata che chiede aiuto per suo figlio e non riceve l’aiuto di cui ha bisogno.Ma sicuramente nulla si avvicina a ciò che i genitori hanno vissuto un anno fa e nessuno e niente può restituire il proprio figlio.

La donna chiamò per la prima volta quando avvertì il personale di emergenza che suo figlio stava affogando . Ma il medico ha insistito per parlare con il giovane in modo che potesse valutarlo e decidere se ha inviare un medico, o se preferire un ricovero in ospedale o non intervenire affatto. La madre insiste sul fatto che suo figlio stava così male che non riusciva a parlare al telefono, ovviamente. Il medico rispose dicendo: “Non lo sento affogare. Tuo figlio respira perfettamente. ”

Il medico continuava ad insistere sul fatto che abbia assunto qualcosa di strano o che sia in trattamento psichiatrico. Nel frattempo, si sente come il ragazzo fa enormi sforzi per parlare e con una voce disperata, arriva a gridare dall’altra parte del telefono: “Affogo!”
La madre afferma che suo figlio non è nemmeno partito il giorno prima, che non ha preso nulla, ma il dottore aggiunge: “Può dire quello che vuole, ma respira perfettamente perché parla perfettamente, ok?”
Su insistenza della donna, il dottore concorda e dice: “Un dottore andrà, ma respira. Ci vediamo più tardi. ”

Non passarono nemmeno 5 minuti quando il padre fu costretto a chiamare di nuovo per avvisarli che suo figlio stava davvero peggio: ha perso conoscenza ed ha gli occhi ribaltati. Successivamente  collassa ed entra in un arresto cardio respiratorio.

Finalmente arrivano il medico e l’equipe medica, ma comunicano una notizia terribile: “Il cervello è rimasto senza ossigenazione per circa 23 minuti e deve essere portato urgentemente in ospedale.”

La Patient Advocate Association lo considera uno dei casi più “dolorosi e scioccanti” che ha ricevuto nel corso della storia dell’associazione. SUMMA, d’altra parte, sostiene di aver agito secondo il protocollo nelle 2 chiamate e di essere riuscito a stabilizzare il paziente e portarlo in ospedale, dove è morto a causa di una “grave patologia e improvvisa comparsa”.

I genitori di Aitor chiedono un risarcimento di 175.000 euro e hanno in programma di avviare un procedimento penale, ma soprattutto vogliono che nessun altro debba subire lo stesso dolore.