Il folletto di casa

Sente troppo spesso il figlio piccolo che parla da solo, come se in realtà stesse parlando con qualcun'altro. Non ha mai capito con chi o cosa parlasse finché un giorno riesce a riprendere qualcosa che ha lasciato attoniti migliaia di utenti

Home > Attualità > Il folletto di casa

Quando parliamo di elfi, quasi sempre la nostra immaginazione vola in un mondo magico in cui la fantasia è la regina. Tuttavia, alcune persone affermano di averli visti. Come nel caso di una donna argentina che afferma che suo figlio è stato visitato da loro e ne mostra persino le prove.

Silvia è una madre che vive a Funes, nella provincia di Santa Fe, in Argentina. Assicura che suo figlio di due anni sia visitato dagli elfi e ne mostra le immagini catturate all’interno della sua casa.

Come ogni bambino, al figlio di Silvia piace giocare sul pavimento. Un giorno, mentre il suo bambino gattonava in cucina,  improvvisamente appare una specie di ombra che corre veloce e si nasconde dietro i mobili passando molto vicino al bambino.

Ma proprio quando appare l’ospite inaspettato, con forma atletica e un altezza di circa 30 centimetri, c’è un’interferenza nella registrazione delle telecamere che non consente di vedere più dettagli. La madre è convinta, riferisce che lo strano essere è diventato un visitatore abituale della sua casa. “Fa visita regolarmente e lascia un cattivo odore”, dice la donna.


La madre è sicura che il bambino abbia un’interazione con il suo visitatore perché spesso lo sente parlare da solo. La madre ha condiviso un video sul web che come previsto,  ha suscitato scalpore sui social network, e molti hanno anche commentato. Alcuni si sono espressi in modo ironico sulla veridicità di quanto viene mostrato dalla registrazione.

“Che bella sceneggiata, ma l’effetto dell’ombra è molto brutto!” dice un utente scettico. Altre opinioni furono più dirette: molti sostengono che non gli è piaciuto affatto il video e respingono fortemente l’esistenza di veri folletti. “Non mi è piaciuto il video, è chiaro che i folletti non esistono”, ha aggiunto un altro incredulo utente di Internet.

Ma Silvia non sembra preoccuparsi dell’opinione di terzi. La donna ha anche annunciato che la sua famiglia ha registrato più volte il folletto, e continuerà a pubblicare video da ora in poi per dimostrare la verità di ciò che dice.


Secondo il canale YouTube Salmones, dove il controverso video è stato pubblicato per la prima volta, è stato registrato dalla madre del bambino nel 2011, ma la sua prima pubblicazione è stata fatta nel 2014.

Molti utenti seguono con curiosità le produzioni di Silvia, ma altri non hanno mostrato molto interesse.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI