Il gatto più spaventoso del mondo entra nella famiglia di Cristiano Ronaldo

Si tratta del ghatto Sphynx, costato oltre 3mila euro a Cristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez.

Home > Attualità > Il gatto più spaventoso del mondo entra nella famiglia di Cristiano Ronaldo

La ragazza del campione portoghese della Juventus, Cristiano Ronaldo, Georgina Rodriguez, 23 anni, ha pubblicato la foto di un gatto Sphynx sul suo profilo Instagram, insieme ad altre foto di famiglia.

La figlia piccola della coppia, Alana Martin, festeggerà il suo primo compleanno il prossimo 12 novembre, a cui naturalmente parteciperanno gli altri due figli di Cristiano Ronaldo, Eva e Matteo, nati da una madre surrogata nel giugno 2017.

Nonostante una vita densa di appuntamenti, Cristiano e Georgina hanno deciso di aggiungere un animale domestico alla loro quotidianità e hanno optato per una razza di gatto che a qualuno potrebbe sembrare più inquietante che carina. Il gatto Sphynx, infatti, è noto perché non ha alcun pelo sul suo mantello. È un felino molto allegro, dotato di grande intelligenza e, al contrario di altre specie, non diffida di nessun altro animale domestico presente nell’ambiente in cui vive. Inoltr, questo gatto è molto affettoso nei confronti del padrone ed è in continua ricerca di coccole.

Magari, questo nuovo ingresso in famiglia avrà diminuito il dispiacere e la rabbia del calciatore 33enne dopo la sconfitta con il Manchester United maturata negli ultimi minuti della gara, nonostante abbia siglato il gol meraviglioso del momentaneo vantaggio.

A tal proposito, il portoghese, a Sky Italia, ha detto: “Abbiamo dominato il gioco per 90 minuti, abbiamo avuto tante occasioni, avremmo potuto segnare tre o quattro volte, ma ci siamo rilassati e siamo stati puniti. Il Manchester United non ha fatto nulla per vincere la partita. Non puoi nemmeno parlare di fortuna, perché la fortuna va trovata e, in questo caso, l’abbiamo semplicemente regalata a loro”.

La Juventus, comunque, è ancora in testa al gruppo H della Champions League. Quindi, la sconfitta non è stata una gattastrofe.