Il messaggio di una madre

Il messaggio di una madre indirizzato ai genitori del bambino che infastidisce il figlio, sta causando polemiche e accesi dibattiti.

Home > Attualità > Il messaggio di una madre

Recentemente, una donna ha pubblicato dei messaggi che ha inviato tramite WhatsApp, ai genitori di un bambino che prende in giro suo figlio a scuola, e sono diventati virali. Le sue dichiarazioni hanno causato polemiche e un acceso dibattito è iniziato nelle reti, dopo aver chiarito che lei aveva insegnato a suo figlio che la violenza fisica non era la soluzione “fino ad ora”.

“Non mi sono voluta intromettere fino ad ora perché penso che siano cose da bambini e che i genitori non debbano essere troppo iperprotettivi. Ma ho educato mio figlio dicendogli che la violenza fisica non porta da nessuna parte, che dobbiamo rispettare tutte le persone indipendentemente dalle loro capacità fisiche, intellettuali o di orientamento sessuale … e questo rende mio figlio impotente di fronte al maltrattamento del tuo bambino.  Mio figlio è un bambino nobile, educato e rispettoso … Tuo figlio sembra offenderlo abbastanza e insiste a ridicolizzarlo”. Déborah ha scritto: “Mio figlio ha parlato con me per mesi del trattamento inadeguato di suo figlio a scuola. Ha detto che suo figlio insiste con parole come “frocio”, “femminuccia” o “finocchio” e percosse, riferendosi al suo presunto orientamento sessuale. Mi ha spiegato che le parole di suo figlio, lo feriscono perché “lo ridicolizza di fronte alla sua ragazza, lei ha 11 anni, e lui crede sarà l’amore della sua vita “. “Non andrò a valutare dove è il problema di tuo figlio perché non sono uno psicologo, immagino che saranno le cose da bambini come ci sono sempre state. Non penso che sia così grave, non sono a favore dell’iperprotezione…

Ma mi vedo nell’obbligo morale di comunicare che, a partire da domani, mio ​​figlio ha l’approvazione totale e assoluta da parte mia per attaccare fisicamente suo figlio ogni volta che verrà insultato”.

“Se l’unico modo per il tuo bambino, di capire che mio figlio merita di essere rispettato,  è che glielo dimostri con la violenza verbale o fisica, sarà fatto, così che capisca che non rispondere con violenza era una scelta e non paura.” Attraverso i messaggi voleva chiarire che autorizzava suo figlio a difendersi con la violenza.

“Ti incoraggio a insegnare a tuo figlio che lui è una persona con lo stesso diritto di farsi rispettare come gli altri che si basano sulla violenza. Mi dispiace di essere arrivata a questo punto, saluti, “i messaggi finiscono.

La dichiarazione di Déborah nell’approvare il suo bambino ad usare la forza fisica per respingere il bulletto, ha causato indignazione, molti notato che questo non è un meccanismo in grado di risolvere tutti i problemi e potrebbe avere conseguenze molto pericolose.