Il metallo che aveva nello stomaco proviene da una cosa che tutti usavamo a scuola

Una donna è andata in ospedale lamentando forti dolori allo stomaco. Dentro hanno trovato del metallo. Non immaginerete mai da dove proveniva!

Home > Attualità > Il metallo che aveva nello stomaco proviene da una cosa che tutti usavamo a scuola

Un giorno una donna di 30 anni si presentò dai medici del pronto soccorso di un ospedale, lamentando dei fortissimi dolori allo stomaco. Subito i medici hanno iniziato a cercare le possibili cause del suo dolore: ulcera, sindrome del colon irritabile, ernia, calcoli biliari. Mai si sarebbero immaginati qual era il motivo di tutto quel dolore.

Tutti i test fatti dai dottori sono risultati negativi. La donna, oltre che il dolore forte all’altezza dello stomaco, aveva una frequenza cardiaca più veloce del normale. Il rivestimento della parete addominale, inoltre, era infiammato.

parete addominale

Dopo altri esami, test, esami diagnostici di fegato, cistifellea e dotti biliari sembrava non ci fosse niente che non andasse. Le chiesero anche se fosse stata sottoposta a un intervento chirurgico, ma rispose con un no. I medici lo avevano chiesto per eliminare la possibilità che un corpo estraneo fosse rimasto dentro il suo corpo durante un’operazione. Dopo una radiografia, però, i medici individuarono nel suo stomaco un pezzo di metallo.

dolori allo stomaco

Quando hanno rimosso l’oggetto, non potevano assolutamente credere ai loro occhi.

La donna non aveva subito interventi e non ricordava assolutamente di aver ingoiato pezzi di metallo. Eppure nel suo intestino c’era un corpo estraneo. Cos’era? Un pezzo di apparecchio dentale ingerito accidentalmente almeno 10 anni prima. Lo aveva inghiottito senza accorgersi di nulla e chissà per quanto tempo era stato nel suo corpo senza dare segnali della sua presenza. Non aveva dato sintomi fino al momento in cui la donna non si era presentata in ospedale con forti dolori allo stomaco.

I medici, ovviamente, erano senza parole dopo la scoperta sorprendente. “Siamo rimasti tutti un po’ interdetti. Non era quello che ci aspettavamo di trovare”.

Per fortuna i chirurghi sono stati in grado di rimuovere quell’oggetto e riparare i danni che aveva già fatto. Ma la storia rimane sorprendente!