Il mistero delle gemelle silenziose

Nel 1963, a Barbados, nascono le gemelle  June e Jennifer Gibbons, che in seguito hanno ricevuto il soprannome di “gemelle silenziose”. Il fatto è che per molto tempo tutti hanno pensato che le ragazze fossero mute: erano molto silenziose e non comunicavano con nessuno. Ma la rarità di questa storia va molto oltre ciò che si può spiegare.

Risultati immagini per June e Jennifer Gibbons

ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Dopo essersi trasferiti in Galles, i genitori delle ragazze si sono resi conto che non erano affatto mute, ma parlavano fra di loro in una lingua che solo loro capivano. Hanno cercato di separare le ragazze e le hanno mandate a studiare in diverse scuole perché iniziassero a comunicare con altre persone, ma questo ha solo peggiorato le cose e, quando sono finalmente tornate a casa, June e Jennifer si sono chiuse ancora di più verso il mondo esterno. Passavano tutto il tempo in una stanza, dove scrivevano molto. Hanno creato poesie e storie (la maggior parte delle quali aveva una trama terrificante) e ogni giorno scrivevano appunti in un diario. Quando si sono stancate di scrivere su  crimini altrui, hanno iniziato a infrangere la legge. Nel loro curriculum ci sono diversi incendi e attacchi a passanti, 16 episodi in totale. Con la decisione di un tribunale, le ragazze furono inviate ad un ospedale psichiatrico, un severo ospedale di regime di Broadmoor, dove erano solite mandare maniaci e altri pazzi assassini. Le ragazze sono state separate, ma spaventavano molto il personale medico perché, senza comunicare, si comportavano esattamente allo stesso modo, si trovavano persino sempre nelle stesse posizioni nelle loro celle.

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Per 11 anni, la giornalista Marjorie Wallace ha combattuto per le ragazze, e infine è riuscita a far trasferire le gemelle in un normale ospedale. Prima del trasferimento, Jennifer ha improvvisamente detto alla giornalista: “Marjorie, Marjorie, io devo morire”. Alla domanda “perché” la giovane donna ha risposto: “Perché abbiamo deciso così”. Jennifer morì improvvisamente durante il trasferimento, per un infiammazione al cuore che il medico stesso non è riuscito a spiegare.

La loro biografa ed amica, Marjorie Wallace, raccontò il momento in cui le rivelarono il loro piano:

“Portai mia figlia – credo avesse circa otto anni – a prendere il tè con le gemelle. Dovevamo passare per tutte queste porte chiuse a chiave, fino alla grande sala. Jennifer e June erano là, sempre piuttosto allegre. Ci portarono il tè su un vassoio con piccoli biscotti. Ci sedemmo e cominciammo a chiacchierare. Di colpo, nel bel mezzo della conversazione, Jennifer disse: ” Marjorie-Marjorie-Marjorie, io morirò”. Io dissi: “Non essere stupida, Jennifer. Sei in buona salute”. Mi guardò e mi disse: “Abbiamo deciso, io morirò”. […] Poi June disse: “Sì, abbiamo deciso”. Mi passarono dei biglietti, e c’era scritto che la decisione era che Jennifer sarebbe dovuta morire per liberare June. June era nata per prima, June aveva più talento, June era più estroversa. Aveva il diritto di vivere. June poteva vivere per entrambe, e Jennifer no.”

Secondo la giornalista, una delle ragazze doveva lasciare questo mondo in modo che l’altra potesse vivere liberamente. Perché alla fine si è scoperto che la relazione delle gemelle non era così benigna. Si amavano e si odiavano l’un l’altra allo stesso tempo. E ne hanno scritto nei loro diari.

 

“Mia sorella è un’ombra scura che mi priva della luce” , scrisse Jennifer, “diventiamo nemici mortali negli occhi dell’altro. Sentiamo i raggi irritanti della morte lasciare il nostro corpo, pungere la pelle dell’altro. Mi chiedo: posso sbarazzarmi della mia stessa ombra? Morirò senza la mia ombra? Riceverò la vita e la libertà senza la mia ombra, o sarò condannata? Senza la mia ombra, che paragono alla povertà, alle bugie e alla morte. ”

Dopo la morte di sua sorella, June ha iniziato a comunicare con i suoi parenti e ha anche lavorato per qualche tempo in un negozio di beneficenza. June è riuscita a liberarsi da farmaci e ospedali, di tanto in tanto va a trovare i suoi genitori e conduce una vita normale, cercando di restare lontano dai riflettori.

La morte di Jennifer è tutt’ora un mistero.