Il padre scopre che il sorriso storto del figlio è un sintomo grave

Padre scopre che quel sorriso non perfetto, quasi storto, del suo amato figlio, in realtà era un sintomo mortale!

Home > Attualità > Il padre scopre che il sorriso storto del figlio è un sintomo grave

Wesley Lacey è un giovane papà di 28 anni, che insieme alla moglie sta pregando per un miracolo, dopo aver scoperto che il sorriso adorabile del loro bambino di soli tre anni in realtà era il sintomo di una condizione mortale. Al Sun il papà preoccupato ha raccontato che all’inizio non ci avevano fatto caso. Ma poi hanno scoperto cosa si celava dietro a quella piccola particolarità.

Wesley Lacey

All’inizio i genitori del bambino hanno solo pensato che fosse divertente questo suo nuovo modo di sorridere. Pensavano che forse il piccolo aveva visto qualcun altro sorridere a quel modo e lo stava ricopiando. Appunto, per divertimento.

Wesley Lacey e Rebecca Oldham di 29 anni hanno cominciato a notare anche altri sintomi nel piccolo Jack, come camminare con le braccia tese, ammiccare frequentemente, soffrire di incubi notturni. Così mamma e papà hanno deciso di cercare aiuto, andando da un dottore.

I medici hanno presto scoperto che Jack soffriva di un tumore al cervello aggressivo, una forma molto grave di cancro infantile chiamato glioma pontino diffuso intrinseco (DIPG).

Il tumore si trovava nel tronco cerebrale di Jack. Ed era molto pericoloso e difficile da trattare. Jack ha avuto sintomi solo nelle ultime settimane, ma per i dottori il tumore stava crescendo da mesi.

Adesso il piccolo è sottoposto a trattamenti di radioterapia e chemioterapia, ma i medici hanno detto che Jack ha un anno o meno di vita. Il papà ha raccontato che lui e la moglie erano distrutti dal dolore dopo la diagnosi. “La notizia è stata il momento più oscuro della nostra vita. Non riesco nemmeno a pensare che lui potrebbe non esserci più. Non ha parenti già deceduti. Non c’è nessuno ad aspettarlo“.

I genitori hanno aperto una raccolta fondi su GoFundMe, per coprire i costi funebri di Jack e per rendere felici i suoi ultimi giorni di vita, con gite felici di un giorno in cui condividere il tempo che gli rimane su questa terra. “Jack non smette mai di parlare, di scherzare e di mostrare il suo cuore, anche quando è malato“.