Il padre si presenta all’udienza, contro l’uomo che ha messo fine alla vita di suo figlio

Il padre si presenta all'udienza, contro l'uomo che ha messo fine alla vita di suo figlio. Salito sul banco pronuncia delle parole che nessuno si aspettava di sentire, poi si alza e si dirige deciso verso il criminale che gli ha portato via il figlio. Pochi minuti e la situazione diventa surreale, in lacrime giudice e giuria che sono costretti a chiedere una pausa.

Un giudice è scoppiato in lacrime di fronte alle parole di un padre per l’assassino di suo figlio, mentre l’udienza si è sviluppata nel luogo in cui sarebbe stata resa nota la sentenza. È successo in Kentucky, negli Stati Uniti . Trey Relford, 24 anni , è stato condannato a 31 anni di carcere per aver ucciso Salahuddin Jitmoud il 19 aprile 2015, in un assalto.

Il giovane era un venditore di pizza e Relford e altri due lo hanno attaccato mentre faceva il suo lavoro a Lexington .Durante l’udienza in cui è stata letta la frase del giovane, il padre della vittima, il Dr. Abdul-Munim Sombat Jitmoud, ha ricordato suo figlio come una persona gentile, generosa e timida che cercava la sua strada nel mondo della musica rap, cantare, scrivere e produrre canzoni. Il dottor Jitmoud ha detto che quando suo figlio è stato assassinato, stava facendo l’ultima consegna prima di tornare a casa, ma sfortunatamente ha incontrato la sua morte. Alla fine del suo discorso, ha scioccato la corte quando ha guardato l’assassino di suo figlio e gli ha detto che non lo biasimava per quello che era successo . “Sono arrabbiato con il diavolo che ti ha consigliato di commettere questo crimine” , le disse. Il padre addolorato disse che era più importante perdonarlo perché “il perdono è uno dei più grandi doni che possono essere dati all’Islam”. Le parole del dottore fecero eccitare tutta la Corte e il giudice, che scoppiarono in lacrime, tant’è che dovettero chiedere una pausa.

Quando tornarono alla sessione, la madre di Relford ricordò che suo figlio era stato un bambino eccellente, ma durante l’adolescenza cadde nell’abuso di droghe.

“Mi assumo la piena responsabilità per il tuo bellissimo figlio”, ha detto la madre dell’assassino alla dottoressa Jitmoud. “Mi dispiace molto per la sua perdita. E sono commossa dal suo perdono. ”

Anche il condannato si è scusato per quello che è successo “Mi dispiace infinitamente per tutto quello che è successo quel giorno” disse Relford “E ti ammiro perché devi essere un uomo davvero forte per conoscere qualcuno che ti ha ferito in questo modo e dire quello che hai detto. Non c’è niente che io possa fare … grazie per il tuo perdono. ”

Più tardi, il dottore andò a dare una stretta di mano a Relford, ma i due finirono abbracciati, abbraccio a cui si unirono i membri delle due famiglie. Altre due persone sono state arrestate per il caso, ma la giuria ha deciso di condannare Relford.

Il dott. Jitmoud lavorava nelle principali scuole islamiche del paese, ma dal 2013, quando morì la madre di Salahuddin, decise di trasferirsi in Tailandia. Qui il video che ha commosso migliaia di persone.

Cosa ne pensi del gesto del dottore? Cosa avresti fatto invece? Lasciaci la tua opinione e condividi la notizia.

Morte Viviana e Gioele, la denuncia: "Ci fanno visionare i corpi, ma con una richiesta illogica"

Morte Viviana e Gioele, la denuncia: "Ci fanno visionare i corpi, ma con una richiesta illogica"

“Viviamo tra topi e sporcizia mentre lui è milionario”: la madre punta il dito contro un noto vip

“Viviamo tra topi e sporcizia mentre lui è milionario”: la madre punta il dito contro un noto vip

Arrivata la relazione completa sull'autopsia del piccolo Evan Giulio: nuove scoperte da parte dei medici

Arrivata la relazione completa sull'autopsia del piccolo Evan Giulio: nuove scoperte da parte dei medici

Teenager vuole il seno più grosso: tutti dovrebbero vederla dopo l'intervento

Teenager vuole il seno più grosso: tutti dovrebbero vederla dopo l'intervento

Matteo Bonforte non ce l'ha fatta: si è spento a 24 anni dopo una lunga battaglia

Matteo Bonforte non ce l'ha fatta: si è spento a 24 anni dopo una lunga battaglia

Bologna, bimba di 11 anni ricoverata in terapia intensiva: anche i genitori sono positivi

Bologna, bimba di 11 anni ricoverata in terapia intensiva: anche i genitori sono positivi

"Tumore al rene: Patrizia Pellegrino operata d'urgenza"

"Tumore al rene: Patrizia Pellegrino operata d'urgenza"