Il papa di un ragazzo con autismo

Il papa di un ragazzo con autismo, racconta: "Ho detto a mio figlio di entrare nel ristorante per chiede il menu, e ritornare subito da me in macchina, ma lui non tornava. Così sono entrato nel locale e sono rimasto di pietra quando ho visto cosa avevano fatto al mio ragazzo..."

Home > Attualità > Il papa di un ragazzo con autismo

Owen Block, un giovane con autismo, non ama molto essere sorpreso dal cibo che sta per consumare, preferisce sapere in anticipo quali piatti mangerà durante il giorno, e quali ingredienti contiene. I suoi genitori, comprendendo le sue condizioni, e anche se devono comprare del cibo in qualche locare, il loro figlio può prendersi il suo tempo per scegliere.

Il padre di Owen decise di fermarsi in un ristorante birmano chiamato Sun Cusines a Williamsville, New York, avrebbero cenato lì quel giorno, ma suo figlio aveva bisogno di vedere la menu in anticipo per scegliere quello che voleva. Concordarono che avrebbero aspettato in macchina mentre Owen andava a cercare un menu e così durante il pomeriggio avrebbe pensato a quale sarebbe stata la sua scelta. Il padre di Owen attese pazientemente che suo figlio tornasse, ma i minuti passarono e lui non tornava, così decise di scendere dalla macchina e vedere cosa stava causando il suo ritardo. Quando entrò nell’edificio rimase stupito, non riusciva a credere a quello che lo staff aveva fatto per suo figlio. Si scoprì che Owen non solo aveva chiesto il menu, ma si era seduto a mangiare perché era stato abbagliato dall’odore del cibo, subito prima di aver esclamato di avere fame. Aye Thein, impiegato del ristorante, ha detto: “Quando ho guardato il suo viso, ho pensato che fosse un bambino molto speciale, gli ho chiesto: ‘Che cosa vuoi mangiare, tesoro?’, E lui ha risposto che voleva mangiare carne?. Owen aveva ricevuto istruzioni precise da suo padre, doveva entrare, prendere un menu e tornare alla macchina, ma l’odore del cibo lo fece fermare, dopo la conversazione con l’impiegato, finì seduto a un tavolo gustando un piatto di carne con curry e riso preparato appositamente per lui.

Il padre di Owen non si aspettava la ricettività del ristorante per la curiosità di suo figlio, gli hanno dato un trattamento davvero speciale e gli hanno offerto il piatto di cibo che gli aveva provocato così tanto interesse. La madre del giovane ha postato l’aneddoto sulla pagina Facebook del ristorante, ha detto che quando suo marito è entrato e ha visto Owen mangiare, era così sorpreso che gli ha fatto una foto.

La padrona del ristorante ha anche affrettato i cuochi dicendo che il giovane era molto affamato, gli hanno offerto il piatto in tempo record e sarebbe stato gentilmente offerto dal ristorante. Sandra Block, la madre di Owen ha detto che si sente molto grata per la generosità del personale del ristorante.

La proprietaria del ristorante che ha frequentato Owen, non aveva nemmeno immaginato che avesse una condizione speciale, è stato dopo che è stato pubblicato nelle reti che ha scoperto che il ragazzo aveva l’autismo.

Il suo trattamento speciale non è stato motivato dalle condizioni di Owen, ha semplicemente applicato il termine: “Mettā”, che significa per i birmani dare amore e gentilezza a tutti.

Ogni giorno abbiamo l’opportunità di fare un gesto speciale  per qualcuno, che il nostro sguardo non sia indifferente al bisogno di chi ci circonda e lasci un’impronta positiva nel mondo promuovendo la solidarietà.

Quindi non sprecarlo, l’esperienza di questa famiglia ha entusiasmato molte persone, non andartene senza condividerle.