Il piccolo Paquito

Tutti i docenti lo consideravano un pessimo alunno, tutti tranne uno. Un giorno il ragazzino va da quel professore e con espressione afflitta, gli confessa che gli hanno diagnosticato disturbo da deficit di attenzione e iperattività...la risposta di quel docente ha illuminato il viso del ragazzino

Enrique Sánchez, direttore del Centro di Facoltà di Malaga e professore alla Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Malaga, ha pubblicato sul suo profilo Twitter il caso di uno studente per offrire una lezione preziosa. Attraverso la storia di “Paquito”, ha voluto dimostrare che quello studente conosciuto come ragazzo indisciplinato in classe ha anche la capacità di prendere un dieci.

Nel suo resoconto, lo studente che chiameremo Paquito per proteggere la sua identità, era un disastro secondo tutti gli insegnanti, ma per l’Educazione Fisica era il miglior studente che avesse. Questo studente voleva dire a Enrique che gli era stato diagnosticato l’ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività), e il professore gli rispose che significava che era un cacciatore.

Paquito si iscrisse alla prima media quando era già iniziato l’anno, quando iniziò Educazione Fisica era eccitato, era molto eccitato. “Cosa faccio professore?” diceva appena arrivava. Iniziava il riscaldamento senza perdere tempo e poi aiutava l’insegnante a posizionare il materiale per la sessione.

Quando uno studente dichiarava di essere stanco per un po ‘di esercizio fisico, Paquito invece voleva ripeterlo. Per il suo insegnante di educazione fisica era uno studente eccezionale. “Ho detto a tutti che un perfetto studente quando ci fu la prima riunione dei professori e tutti sono rimasti sbalorditi con le mani sulla testa.”  Gli altri insegnanti dissero che non seguiva le lezioni, si muoveva in continuazione e interrompeva spesso la lezione.

Era un caso tipico di riferimento da valutare in psicopedagogia. “Ricordo il giorno in cui ha ricevuto la diagnosi, è stato l’ultimo a scendere in palestra e ha detto: ‘Prof, hai sentito? È ufficiale, sono ADHD. ” “E ti hanno spiegato cosa significa?” Disse il professore sapendo che avevano parlato con lui.

“Sì, che sono nervoso, che non mi concentro ecc ecc…” Il professore gli disse che non gli avevano spiegato bene tutto, e che significava anche che lui era un cacciatore. “Un cacciatore?” Chiese il ragazzo con una faccia sorpresa. “Sì, ma di quelli che vanno con un fucile per divertimento. Sei un cacciatore preistorico. Hai visto com’era la preistoria?

Bene, saprai che i cacciatori sono persone molto importanti, dipendeva da loro se la tribù sarebbe sopravvissuta o meno. Dovevano essere veloci, intelligenti, vigili e agire in fretta”. “Come uomo d’azione?”, disse il bambino con il viso illuminato.

“È questo l’ADHD, ma hai avuto sfortuna ragazzo, perché vivi in un mondo che valorizza gli agricoltori più dei cacciatori. Sai, la cosa importante qui è essere pazienti, sapere stare sedersi a lungo, prestare attenzione “, ha detto il professore. Paquito ha riconosciuto che la scuola sembrava un po’ una fattoria.

“Può essere, ma sai qual è la principale virtù dei cacciatori? Sono in grado di adattarsi a qualsiasi luogo, sanno mimetizzarsi, quindi ti adatterai a una classe da fattoria, sono sicuro che puoi ”, ha affermato il professor Enrique.Il suo intervento nella conversazione che ha avuto con Paquito è stato ispirato dal libro “Il potere della neurodiversità”, che parla dei risultati di un’indagine condotta da Thomas Armstrong con i vigili del fuoco degli Stati Uniti.

Hanno selezionato una brigata e fatto un test diagnostico ADHD, molti hanno ottenuto risultati positivi. Quando il capo dei vigili del fuoco ha visto l’elenco, è rimasto sorpreso dal fatto che quelli che avevano la diagnosi fossero quelli che si distinguevano positivamente nel loro lavoro.

“Ma sono i miei uomini migliori!” Esclamò stupito. In Spagna, il 6,8% della popolazione soffre di questo disturbo neurobiologico, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività che causa difficoltà di partecipazione e concentrazione e impulsività motoria e vocale. Questo disturbo ha origine durante l’infanzia, durante i primi anni di vita.

La discussione su Twitter del Professor Enrique ha raggiunto 5000 retweet e oltre 9000 reazioni.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Montecchio Maggiore, l'ultimo straziante addio a Alessandra Zorzin

Montecchio Maggiore, l'ultimo straziante addio a Alessandra Zorzin

Denise Pipitone: rintracciata la "bambina" sulla nave per la Tunisia

Denise Pipitone: rintracciata la "bambina" sulla nave per la Tunisia

Daniele Mondello e le immagini del corpo senza vita di Viviana Parisi: "Solo fatti"

Daniele Mondello e le immagini del corpo senza vita di Viviana Parisi: "Solo fatti"

Andrea Campana morto in un incidente in scooter: la sua compagna decide di sposarlo durante il funerale

Andrea Campana morto in un incidente in scooter: la sua compagna decide di sposarlo durante il funerale

Chi l'ha visto: la frase intercettata tra Anna Corona, la madre e la figlia Jessica

Chi l'ha visto: la frase intercettata tra Anna Corona, la madre e la figlia Jessica

Bimbo precipitato dal balcone a Napoli, la famiglia non sapeva dei problemi psichici del domestico

Bimbo precipitato dal balcone a Napoli, la famiglia non sapeva dei problemi psichici del domestico

Fuga di gas scoperta grazie al bimbo: non riusciva a dormire

Fuga di gas scoperta grazie al bimbo: non riusciva a dormire