Il salvataggio di Pirelli, Michelin e Kumho

Home > Attualità > Il salvataggio di Pirelli, Michelin e Kumho

In un caldo sabato pomeriggio, tre piccoli cani sono stati trovati rannicchiati insieme all’interno di un vecchio pneumatico, tentando di sfuggire al sole cocente. La gomma era su una strada chiusa a Muscoy, in California, proprio sotto un cavalcavia dell’autostrada. In un luogo così desolato, le probabilità che i cani abbandonati sopravvivessero al caldo estremo erano scarse ma la loro fortuna stava per cambiare.

Un uomo che aveva preso l’uscita sbagliata ha individuato un terrier bianco arruffato appollaiato sulla pila di spazzatura. Ha capito subito che l’animale aveva bisogno di aiuto e ha chiamato Faith Easdale, una soccorritrice locale di cani che opera per conto di Dream Fetchers: Project Rescue. Easdale ha raccontato che riceve questo tipo di chiamata troppo spesso. “Li salviamo sempre”, ha detto Easdale. “Vediamo i cani buttati nei sottopassaggi, nei campi, nei canyon, nelle autostrade. Ma quella zona è una delle peggiori. Quasi nessuno va lì e, anche se li avessero visti, li avrebbero ignorati”, ha aggiunto Easdale. “Semplicemente non interessa a nessuno. È un fatto che accade spesso” Easdale contattò Cassandra Aldridge, un’amica della zona e le chiese di andare sul posto in cui l’uomo riferiva di aver visto il cane abbandonato. Quando Aldridge arrivò sulla scena, individuò il cane – e quando sbirciò dentro la gomma, altre due faccine alzarono lo sguardo con cautela. Erano troppo letargici e disidratati per spostarsi dal loro posto, così Aldridge decise che il modo più rapido e semplice per portare via i cani da lì era raccogliere la gomma e metterla sul sedile posteriore della sua auto. Non c’era modo di sapere per quanto tempo i cani erano sopravvissuti da soli in quel posto infernale ma erano chiaramente sollevati di essere nell’aria condizionata della sua auto.

Easdale arrivò poco dopo e, quando la videro, i cani si nascosero dietro al sedile posteriore.

Li ha dovuti persuadere per uscire dal loro nascondiglio e li ha avvolti ciascuno in una morbida coperta, dando loro un po’ d’acqua.

“Ho accarezzato la testa e ho fatto loro sapere che sarebbero stati bene e poi li ho messi uno per uno in un trasportino”, ha detto Easdale. “Erano così letargici che non volevano nemmeno correre.

Ma erano tutti così felici di essere in quel trasportino rannicchiati insieme.” Finalmente al sicuro, Easdale guardò come la piccola barboncina nera, che sembrava essere stata incinta di recente, avvolse le sue zampe intorno al cane bianco e “si aggrappò a lei”.

I cani sono stati portati di corsa in un vicino ospedale veterinario, dove sono stati esaminati e rifocillati. Quando furono richiesti i nomi per le loro forme veterinarie, i soccorritori li chiamarono con diverse marche di pneumatici: Michelin, Pirelli e Kumho.

Infestati da pulci e zecche, ai tre cani mancavano chiazze di pelo ed erano pieni di graffi. “Pirelli e Kumho erano entrambi in lattazione, nel senso che stavano ancora producendo latte per cuccioli che si spera fossero abbastanza grandi per essere svezzati;

Michelin, che era insicura e protettiva e si sta aprendo con il passare dei giorni”, ha scritto Hedy Alison, direttore dell’ufficio del Camino Pet Hospital, in un rapporto dell’ospedale. “Michelin è ancora troppo orgogliosa per muovere la coda ma possiamo vedere la luce tornare ai suoi occhi”. Dopo aver ricevuto i loro vaccini e i microchip, i cani saranno pronti per essere adottati.