Il selfie della verità

Fa un selfie con una sua cara amica di scuola e lo pubblica sui social, da quel momento la sua vita viene capovolta. Grazie a quella fotografia, scopre una verità che ha distrutto due famiglie.

Il mondo di Miché Salomon, una ragazza di 17 anni, si è capovolto quando un selfie con una cara amica di scuola l’ha portata a scoprire che era stata rubata dall’ospedale alla nascita. Gli eventi risalgono all’aprile 1997, in un ospedale di Cape Town, in Sudafrica. Lavona Salomon, una donna vestita da infermiera, aveva rubato un bambino mentre la madre dormiva, ma erano passati 17 anni quando Miché ha scoperto tutta la verità.

Miché era al liceo quando incontrò una nuova studentessa, Cassidy Nurse, che era 3 anni più giovane di lei ma sviluppò immediatamente una connessione unica a causa della grande somiglianza tra loro. “Era come se la conoscessi. È stato spaventoso. Non riuscivo a capire perché mi sentissi così “, confessa Miché.

Hanno scherzato sul fatto che forse erano sorelle in un’altra vita, ma sapevano che non era possibile, anche se avessero voluto, avevano genitori e cognomi diversi. Fino a quando un giorno si sono fatte un selfie insieme ed è stato l’inizio di una verità che Miché non avrebbe mai voluto scoprire.

I genitori della sua amica Cassidy, Celeste e Morne Nurse, hanno visto la foto e quando hanno visto la sua somiglianza hanno chiesto a sua figlia di chiedere a Miché se fosse nata il 30 aprile 1997. Tutti i fili hanno iniziato a collegarsi.

Presto ci sono voluti servizi sociali per mettersi in contatto con Miché per raccontargli la storia di una bambina di 3 giorni di nome Zephany Nurse, che era stata rubata dall’ospedale 17 anni fa e fino ad oggi non sapevano nulla di ciò che le fosse successo, ma c’erano indicazioni che la bambina rubata potesse essere lei.

Miché era sicura che si trattasse di un errore poiché i dati dell’ospedale in cui era nata, che era sul suo certificato di nascita, non corrispondevano a quelli del presunto bambino rubato. Ma le autorità le hanno detto che non c’era traccia che fosse nata in ospedale nonostante fosse scritto sui suoi documenti.

“Ho creduto così tanto nella madre che mi ha cresciuto, che ho pensato che non mi avrebbe mai mentito, soprattutto riguardo a chi sono e da dove vengo, così ho accettato di fare un test del DNA”, confessa Miché. Ma i risultati hanno mostrato ciò che le autorità sospettavano: Miché Solomon e Zephany Nurse erano la stessa persona. “Mi sono sentita scioccata. La mia vita era fuori controllo”, afferma Miché.

Ha dovuto rimanere in un rifugio fino a quando non ha compiuto 18 anni e Lavona Solomon è stata arrestata. Nel frattempo la povera Miché stava navigando in un mare di confusione e sentimenti di frustrazione e disperazione, sua madre era Lavona ed era riluttante ad accettare qualsiasi cosa diversa da quella.

Quando la polizia ha interrogato il padre di Miché, Michael Solomon, hanno scoperto che anche lui non sapeva nulla del furto di sua figlia. Si è saputo che Lavona era incinta, ma dopo aver perso il bambino ha finto la gravidanza fino alla fine senza dirlo a nessuno.

La versione che diede al processo fu che una donna le offrì un bambino indesiderato da un’altra donna che stava per partorire, ma non c’era traccia dell’esistenza di questa donna. L’unica verità era che ha visto la piccola Zephany tra le braccia dell’infermiera e l’ha rubata e un testimone lo attesta.

Quando Miché scoprì la verità, i genitori di Cassidy Nurse avevano divorziato e avevano già altre 3 figlie, ma non avevano mai smesso di cercare la loro bambina, non sapendo che viveva sempre a soli 5 chilometri da casa loro. Ma la cosa più paradossale è che sebbene Miché si fosse riunita con i suoi veri genitori, era confusa. Un paio di genitori erano felici e disperati nel recuperare il tempo perduto, ma erano estranei per lei. L’altra coppia, quella che amava, erano devastati e uno di loro era dietro le sbarre.

Le prove contro Lavona Solomon sono state travolgenti ed è stata condannata nel 2016 a 10 anni di reclusione per ritenzione illegale di un bambino, frode e falsificazione di documenti. Inoltre, non ha mai mostrato rammarico per il processo relativo ai suoi successivi aborti e al forte desiderio che aveva di diventare madre.

“Sentivo che stavo morendo. Ho pensato: ‘Come posso superarlo? Come sopporterò la vita senza la madre che ho avuto tutti i giorni nella mia vita? “, Ha detto Miché. Dopo aver raggiunto la maggiore età ha deciso di vivere con Michael Salomon, e non con i suoi genitori biologici, perché ha assicurato che questo era “il suo posto sicuro, la sua casa”. Finalmente è stata in grado di affrontare la madre adottiva e Miché le ha dato la risposta che nessuno si aspettava:

“Il perdono porta così tanto sollievo al tuo cuore. La vita deve continuare sa che la perdono e che la amo ancora.”Ora Miché contro ciò che molti pensano solo spera che la sentenza di Lavona passerà presto per riaverla di nuovo,  ha anche deciso di mantenere il nome di Miché. “Zephany è la verità e Miché, la ragazza di 17 anni che ero, era una bugia. Quindi sono riuscita a bilanciare entrambi i nomi. Puoi chiamarmi Zephany o Miché, va bene.”

È una storia che sembra presa da un film, ma è reale, e ha provocato un vero dramma in due famiglie. Ha causato così tanto impatto mediatico che è stato scritto un libro intitolato: “Zephany, Two mothers.

 

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

Pier Francesco Carofano, il 19enne che si è sparato un colpo alla testa dopo un litigio con i genitori, non ce l'ha fatta

Pier Francesco Carofano, il 19enne che si è sparato un colpo alla testa dopo un litigio con i genitori, non ce l'ha fatta

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Puglia: ragazza di 16 anni travolta e uccisa da un treno in corsa

Puglia: ragazza di 16 anni travolta e uccisa da un treno in corsa

Denise Pipitone: diffuso il nuovo Age Progression 2021. Ecco come potrebbe essere oggi

Denise Pipitone: diffuso il nuovo Age Progression 2021. Ecco come potrebbe essere oggi

Lutto a Spoltore, Gaia Pangiarella è morta a soli 19 anni

Lutto a Spoltore, Gaia Pangiarella è morta a soli 19 anni

Cosa prevede e quando sarà valido il nuovo DPCM firmato da Giuseppe Cont

Cosa prevede e quando sarà valido il nuovo DPCM firmato da Giuseppe Cont