In lacrime, racconta come a suo figlio sia stata negata l’assistenza medica anche se non riusciva a respirare

In lacrime, racconta come a suo figlio, malato di coronavirus, sia stata negata l'assistenza medica anche se non riusciva a respirare...ecco cosa sta accadendo

Home > Attualità > In lacrime, racconta come a suo figlio sia stata negata l’assistenza medica anche se non riusciva a respirare

La pandemia di coronavirus sta colpendo il mondo da tre mesi. Ma, sfortunatamente, ci sono molti che non prendono sul serio la difficile situazione che stiamo vivendo. Quindi una madre e un operatore sanitario, sta chiedendo a tutti i genitori di prendere sul serio il coronavirus, dopo che il suo giovane figlio è stato esposto al virus e gli è stata negata l’assistenza medica.

Sara Hernández, la donna devastata, è andata sui social network per pubblicare l’orribile situazione che sta vivendo il suo piccolo figlio: lottare per respirare e non avere accesso a un test per il coronavirus perché i medici ritengono che i suoi sintomi “non rispettano i criteri della malattia”.

Sara lavora occupandosi di gravi casi di salute, quindi conosce in dettaglio tutte le informazioni disponibili sul coronavirus mortale, nonché le raccomandazioni e le azioni che devono essere seguite prima di andare ai servizi sanitari già saturi.

Gepostet von Sara Hernandez am Donnerstag, 19. März 2020

Il figlio di Sara, Cayden, è stato esposto al virus e dopo aver presentato tutti i sintomi di COVID-19, la donna ha chiamato il pronto soccorso per richiedere assistenza, ma le è stato negato e le è stato chiesto di contattare i Centri per il controllo e la prevenzione (CDC) perche un’ambulanza arrivasse a casa sua.

“Tratto sempre bambini malati al pronto soccorso. Non porto il mio a meno che non sia assolutamente necessario! Soprattutto adesso! Qualcuno ha provato a chiamare il 911 di recente? Li ho chiamati ieri e ho aspettato DUE ORE per parlare finalmente con qualcuno che NON era un medico, quindi sono stati in grado di guidarmi solo sulle linee guida attuali. TUTTO MENTRE MIO FIGLIO STAVA LOTTANDO PER RESPIRARE”, scrisse la madre indignata.

Cayden non ha potuto essere ricoverato in ospedale dove Sara lavora perché non avevano una stanza disponibile e non avevano gli strumenti necessari per eseguire il test del coronavirus. Secondo l’infermiera abbattuta, non sono stati in grado di esaminare un singolo paziente per il coronavirus perché devono chiamare una linea apposita e ogni volta che lo fanno viene detto loro che i pazienti non soddisfano i criteri.

Ma il medico di Cayden sentì che doveva stare sotto osservazione durante la notte e chiamò di nuovo il pronto soccorso, che di nuovo si rifiutò di ricoverarlo in ospedale nonostante la valutazione del medico.

Gepostet von Sara Hernandez am Donnerstag, 19. März 2020

Nonostante avesse gravi problemi respiratori e tachicardia, Cayden non è stato ricoverato in un altro ospedale, allora suo padre lo ha preso disperatamente e lo ha portato in un posto, dove però ammettono i bambini a rischio di COVID-19 solo se sono già gravemente malati.

Sara chiede agli utenti di Internet di capire che sono esposti alla stessa amara esperienza che lei stessa ha vissuto se sottovalutano la situazione e non seguono le norme. Quindi, prega i genitori di cancellare viaggi, gite inutili, feste di compleanno e qualsiasi altro evento che li esponga al virus. “Più gente viene contagiata meno supporti ci saranno anche per i nostri figli”

“Ti sto solo chiedendo di interrompere feste di compleanno, serate di giochi, viaggi. Il mio bambino non sta ricevendo le cure di cui ha bisogno perché le persone hanno paura o non ci sono i posti e le apparecchiature per aiutare tutti’. Spargi la voce. Non abbiamo mezzi sufficienti. Non abbiamo abbastanza forniture. Non abbiamo abbastanza tempo”, esclamò la donna.

Siamo fiduciosi che Cayden possa ricevere le cure tanto necessarie senza essere sul punto di perdere la vita. La salute è un diritto di tutti!

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI