Lutto

Incidente sul lavoro ad Aprilia: 32enne muore schiacciato dal muletto

L'ennesima morte bianca in Italia

Ennesima morte bianca in Italia. Un incidente sul lavoro ad Aprilia, in provincia di Latina, nel Lazio, ha causato la morte di un ragazzo di 32 anni. Il giovane è morto schiacciato dal muletto. Simone Tavaglione purtroppo ha perso la vita: a nulla sono valsi i tentativi dei soccorritori di salvargli la vita. Per lui non c’è stato nulla da fare.

ambulanza foto

La tragedia ha avuto luogo nel pomeriggio di sabato scorso ad Aprilia. L’operaio di 32 anni stava guidando il muletto che improvvisamente si è ribaltato e ha colpito in pieno Simone Tavaglione, che è rimasto schiacciato sotto il mezzo. I colleghi hanno cercato di salvarlo, ma inutilmente.

L’incidente ha avuto luogo presso l’azienda Sacchi Pallets, che si trova al km 49 della Pontina, in territorio di Aprilia. Il ragazzo di Nettuno lavorava in un team di quattro operai per un’azienda specializzata in pulizie industriali. Stavano pulendo in un momento di pausa di lavorazione della ditta che fa pallets.

I colleghi hanno chiamato il 118 e hanno tentato di salvarlo, togliendo subito il mezzo dal suo corpo. Ma purtroppo per Simone Tavaglione non c’è stato niente da fare. Sul posto dell’incidente sul lavoro, oltre ai sanitari, anche i Carabinieri della stazione di Aprilia, con il luogotenente Michele Piccione.

La Procura della Repubblica ha già aperto un’inchiesta sull’accaduto, mentre il pm Andrea D’Angeli ha disposto il sequestro del muletto che ha ucciso il giovane. I Carabinieri devono ancora ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.

carabinieri

Incidente sul lavoro ad Aprilia, Carabinieri al lavoro per ricostruire la dinamica dell’incidente

Secondo le testimonianze di chi era presente il muletto non era carico quando all’improvviso si è ribaltato a sinistra. Il 32enne è finito a terra, schiacciato all’altezza del collo dal montante del tettuccio.

Lutto
Fonte foto da Pixabay

La vittima, a quanto emerge, poteva guidare quel tipo di mezzo. I colleghi hanno detto che, però, non hanno visto l’esatta manovra compiuta dal giovane.