Innocente in prigione da 19 anni

Manuel è in prigione da 19 anni per omicidio, ma la presunta vittima è viva e vegeta e centinaia di persone la vedono alle feste di paese. Tutti sanno che Manuel è innocente, nonostante ciò continua la sua condanna. Ecco cosa sta succedendo.

Home > Attualità > Innocente in prigione da 19 anni

Manuel Germán Ramírez Valdovinos, è stato dietro le sbarre per 19 anni accusato di aver ucciso una persona che in realtà  è ancora viva. Fu arrestato il 26 maggio 2000 nello Stato del Messico. Il suo caso è diventato una dimostrazione del fatto che il sistema giudiziario del paese è inefficiente, ed in cui le persone innocenti finiscono in prigione.

Il 26 maggio saranno 20 anni da quando Manuel ha perso la libertà, è stato arrestato con violenza e senza un mandato di arresto nella città di Tepexpan, appartenente ad Acolman.

Manuel, che aveva 22 anni a quel tempo, tornò presto dal suo lavoro di insegnante di musica in una scuola pubblica per festeggiare con sua moglie il primo mese del suo unico figlio. Erano le otto di sera quando la polizia giudiziaria interruppe la loro celebrazione. Gli agenti lo ammanettarono, lo misero sul retro di un’auto senza targhe e con i vetri oscurati, gli coprirono il viso e da allora iniziò l’incubo che vive tuttora. Fu accusato nonostante non avessero prove o testimoni, e fu portato in un penitenziario nello Stato del Messico, fu poi ripetutamente trasferito da una prigione all’altra e da un tribunale all’altro.

Manuel è stato sorpreso di vedere il padre della presunta vittima arrivare al centro di giustizia per chiedere alla polizia: “A lui no, è il figlio del mio compare”. L’agente rispose che non c’era niente da fare perché “tutto era stato portato davanti al Ministero Pubblico”. L’uomo ha pagato agli agenti $ 150.000 per il loro lavoro.

Poco dopo i parenti di Manuel videro la presunta vittima alle feste della loro comunità, viveva in una grande casa che suo padre acquistò con i soldi accreditati dalla sua assicurazione sulla vita. Ha stabilito la sua residenza negli Stati Uniti, dove vive con un’altra identità e alcuni cambiamenti fisici fatti con interventi di chirurgia plastica. Successivamente Manuel è apparso davanti al terzo giudice della prigione di Toluca, il magistrato, Arturo Velázquez Méndez, che lo ha condannato a quaranta anni di prigione.

Manuel ha ricevuto la condanna che lo ha condannato a trascorrere gran parte della sua vita senza vedere la luce del sole in mezzo a molte irregolarità. Tra questi, il parere degli esperti sul corpo della vittima, era diverso da quello della presunta vittima: aveva un colore della pelle diverso, tre centimetri in meno di statura e senza i segni particolari specifici che i membri della stessa famiglia presentavano davanti al Ministero Pubblico. Non aveva cicatrici e segni personali come quelli segnalati dai parenti della presunta vittima per il processo di identificazione.

“È stato scoperto che la persona che mio marito avrebbe ucciso è ancora viva. Lo stanno accusando di qualcosa che non ha senso “, ha detto Itzel del Carmen, moglie di Manuel, davanti a un media locale.
Inoltre, al processo, testimoni, parenti e abitanti di Tepexpan hanno testimoniato, indicando che la presunta vittima non è morta e tutto è stato simulato.

La presunta vittima, come è stato dimostrato, non è morta, tutto sarebbe stato una simulazione fatta dal padre che aveva l’aiuto del pubblico ministero, del tribunale, degli esperti e di un ufficiale di polizia per simulare il crimine e incassare la milionaria assicurazione sulla vita del figlio. Manuel ha inviato lettere a tutti i magistrati delle Corti del Messico senza ricevere risposta. Ha persino inviato lettere ai governatori, ma nessuno ha risposto. Sua moglie è stata brutalmente aggredita durante le visite in prigione, e lui viene ripetutamente maltrattato.

La sua richiesta di giustizia è pervenuta alla Corte interamericana dei diritti umani, hanno indagato sul caso e hanno deciso di proteggerlo attraverso il protocollo di Istanbul, che ha il miglior manuale di indagine su torture, punizioni e trattamenti crudeli, disumani o degradanti che esistono nel mondo. Secondo tale protocollo, Manuel dovrebbe essere rilasciato una volta che la rispettiva raccomandazione sarà stata inviata al governo messicano.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI