La bambina chiusa in casa

Sentono una bambina di 4 anni gridare da una abitazione e chiamano subito aiuto. All'arrivo dei pompieri, si intrufolano dal balcone e...

Home > Attualità > La bambina chiusa in casa

Gli agenti di polizia e i membri dei vigili del fuoco della città di Siviglia hanno salvato una bambina di 4 anni che chiedeva aiuto dal balcone di casa sua, al secondo piano di un edificio. Uno dei vicini ha sentito le urla del bambino e ha chiamato i servizi di emergenza, quando sono arrivate le autorità hanno scoperto che la piccola era completamente sola.

Senza alcun adulto responsabile nella sua casa nella Barriada de la Oliva, ha gridato aiuto dicendo che non stava bene. L’incidente è avvenuto domenica scorsa alle 10:45 del mattino, uno dei vicini che ha sentito le grida della bambina ha deciso di agire per aiutarla.

Dai servizi di emergenza il caso è stato inviato alla polizia locale e ai pompieri, che hanno avuto accesso alla casa dal balcone e hanno aperto le porte dall’interno. Hanno verificato che la piccola fosse in buona salute, sebbene dicesse che aveva fame perché non aveva fatto colazione. Dopo aver appreso questo, gli agenti di polizia hanno preparato qualcosa per lei da mangiare.

Secondo le prime indagini della polizia, sono riusciti a individuare la madre della bambina, che stava lavorando al momento dell’incidente. Non siamo stati in grado di conoscere maggiori dettagli della persona responsabile della cura della piccola.

Quel giorno, la bambina fu presa in custodia da un amico della madre con il suo previo consenso. Ma quando l’hanno trovata, era a casa da sola. I servizi di emergenza hanno avvisato il Telefono dei bambini nel caso in cui l’intervento dei servizi sociali del consiglio comunale fossero necessari durante i lavori di salvataggio.

Attualmente, la polizia sta proseguendo le indagini sul caso, avvierà i procedimenti per un presunto crimine di abbandono di minori. Quando gli agenti di polizia e membri dei vigili del fuoco sono arrivati ​​sul posto, la bambina di 4 anni era sola e non aveva le chiavi per aprire la porta di casa.

I servizi sociali del Concistoro di Siviglia saranno vigili nel caso in cui meriti la sua azione nel processo di indagine di questo caso.

Fortunatamente, la bambina era in buona salute e, nonostante la paura che provava quando è rimasta sola a casa, sapeva come chiedere aiuto. Anche se alla sua età, non è consapevole del pericolo dell’ambiente circostante , non ha fatto nulla che potesse attaccare la sua integrità.

Ma la cosa più importante in questo caso è che uno dei vicini che hanno sentito il suo grido abbia denunciato la situazione. Questo è ciò che dovremmo fare tutti in un contesto simile, se non fosse stato per l’allerta che ha dato alle autorità, il risultato sarebbe potuto non essere così favorevole.