La bimba rifiutata

La sua mamma non l'aveva abbandonata, ma non era stata l'unica senza cuore: dieci famiglie l'avevano rifiutata anche avendola tenuta tra le loro braccia. La piccola aveva un unico problema sufficiente a negarle l'amore, fino a quando...

Olivia era una bellissima bambina ma la prima cosa che sperimentò quando venne al mondo fu il rifiuto, non solo di sua madre che la abbandonò, ma di 10 famiglie che, quando entrarono a conoscenza che aveva l’HIV, rinunciarono a portarla a casa. Così oscuri e tristi iniziarono i giorni di questa bambina, ma il destino aveva preparato per lei l’amore genuino di due veri genitori.

Ariel Vijarra, 39 anni, e Damián, 42 anni, erano una coppia da diversi anni e nel 2012 si sono avventurati a giurare l’amore eterno nel primo matrimonio gay a Santa Fe, in Argentina. Dato che avevano completato una fase importante, hanno pensato di voler diventare genitori. Se il processo di adozione per una coppia eterosessuale è complicato, non potete immaginare quanto lo è per una coppia dello stesso genere. Sebbene sapessero cosa li aspettava, a loro non importava e si imbarcarono su un sentiero pieno di spine.

Sei anni di delusione, incertezza, inganni e persino truffe sono stati ciò che hanno vissuto per avere il loro bambino tanto desiderato, ma non è arrivato. Furono persino vittime di persone che finsero avere un’impresa di adozione e se ne andarono con i loro soldi.

Riferiscono che ciò che vivevano era così tetro che li colpiva persino come coppia, al punto che la loro relazione era a rischio. Ma, ancora una volta si rafforzarono, quando hanno deciso di iscriversi al registro unico dei candidati aspiranti a scopi adottivi (RUAGA), dove sono stati confermati come possibile coppia gay pronti ad adottare un bambino. Poi hanno parlato delle loro preferenze e hanno persino accettato di adottare bambini fino a 14 anni, il loro desiderio di essere genitori era così forte che non importava niente.

Ma nel processo, nell’ottobre 2014, hanno ricevuto una chiamata inaspettata da un avvocato che chiedeva se volevano adottare una bambina di 28 giorni. Semplicemente non riuscivano a crederci, erano pronti a realizzare il loro sogno, anche se ciò significava accettare una figlia che era venuta al mondo con l’HIV e tutto ciò che comportava.

Fu loro detto che la bambina era stata respinta da 10 matrimoni eterosessuali che, dopo essere stati informati del trattamento che la piccola doveva ricevere, abbandonarono il processo e la lasciarono anche dopo averla tenuta tra le braccia. Ariel non riuscì a contenere le lacrime e con Damián corsero a Rosario per incontrare la bellissima Olivia.

“Appena l’ho vista, ho sentito che era la mia vita. La connessione è stata immediata. Era molto piccola, pesava appena 1.200 chili. L’avevamo tra le nostre braccia, le abbiamo dato la bottiglia e lei ci ha guardato con gli occhi ben aperti e senza piangere “, dice Damian.

La bambina iniziò immediatamente il suo trattamento mentre passavano i 6 mesi regolatori dell’adattamento con Ariel e Damián. Incredibilmente, Olivia ha guadagnato molto peso e si è comportata come una guerriera. “Mai nella vita ha pianto o si è lamentata delle punture, dal momento che le hanno anche iniettato ferro”, spiega Damian.

Una volta diventata la figlia adottiva ufficiale, tutto andava alla grande, ma non avrebbero mai immaginato che la bambina, in soli 4 mesi, sarebbe diventata la sorella maggiore della famiglia. Nel febbraio 2015 hanno ricevuto un’altra chiamata. Apparentemente una donna che aveva appena partorito venne a conoscenza della testimonianza di Ariel e di tutto ciò che avevano passato per diventare genitori. Poiché la donna non desiderava avere sua figlia, voleva che fossero loro i genitori adottivi.

“Era pazzesco. La vita ci stava ricompensando con Victoria dopo tanta lotta, perseveranza e disagio ”, ha detto. Quando erano già immensamente felici, la vita aveva ancora un miracolo riservato a Olivia. Un anno e mezzo dopo, i medici hanno confermato che la bambina non aveva l’HIV, era completamente sana.

La piccola Olivia ha compiuto 5 anni questa settimana e Victoria li farà tra pochi mesi. I suoi genitori dicono che Olivia è la madre di Vicky, si supportano a vicenda tutto il tempo e frequentano la stessa scuola materna anche se in aule separate.

Dopo tutta la loro esperienza, Damián e Ariel hanno ora creato una ONG, ACUNAR FAMILIAS, che cerca di aiutare così tante coppie nel loro complicato processo di adozione.

1,12 euro per una casa

1,12 euro per una casa

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Trova un quadretto nella spazzatura

Trova un quadretto nella spazzatura

Dei giovani stupendi

Dei giovani stupendi

Pietro Genovese torna libero: il ventunenne deve scontare ancora 3 anni e 7 mesi

Pietro Genovese torna libero: il ventunenne deve scontare ancora 3 anni e 7 mesi

da solo contro il mondo

da solo contro il mondo