la “dea vivente”

Una bambina di 3 anni vivrà in un tempio senza toccare mai a terra, dopo essere stata nominata la "dea vivente"

Una bambina di tre anni viene chiamata la prossima “dea vivente” di Kathmandu, in Nepal, subito dopo il suo predecessore in pensione. Il suo nome è Trishna Shakya e lei è la nuova Kumari della capitale, continuando così una tradizione ancestrale che consiste nell’adorazione delle bambine che personificano Taleju, una dea indù

Trishna è stata selezionata tra altri tre candidati dopo un processo di 21 giorni, un concorso, e tra le pratiche di esso c’era trascorrere la notte tra le teste di capre e di bufali macellati, secondo le relazioni dei media ufficiali della città .La bambina è stata nominata giovedì, poco prima che fosse portata via dalla casa della sua famiglia, dal momento che ora deve vivere in un vecchio palazzo dove sarà protetta da un gruppo di badanti. “La metteremo al giusto posto all’interno del trono Kumari, dopo eseguiremo i nostri rituali tantrici e apporteremo le opportune preghiere”, ha detto Uddhav, un uomo Karmacharya, un sacerdote indù, poco prima dell’inizio della manifestazione. Si è anche appreso che le bambine ammissibili secondo le regole della competizione, devono soddisfare determinati parametri stabiliti dalla loro cultura: le 23 perfezioni di una dea. Tra loro c’è “avere il corpo di un albero di banyan”, “avere le ciglia come quelle di una mucca” e “la voce morbida e chiara come quella di un’anatra” D’ora in poi, a Trisha sarà permesso di lasciare il tempio tredici volte all’anno, durante i giorni in cui si svolge un festival, in cui sarà esposta in tutta la città e adorata da indù e buddisti.

Quando è fuori in queste feste, il Kumari viene caricato perché i suoi piedi non possono toccare terra, secondo la tradizione. Quei giorni dovrebbero indossare un vestito cerimoniale e un trucco molto elaborato.

Questa tradizione ha attirato le critiche di molti attivisti che combattono per i diritti dei bambini, che hanno affermato che ai Kumari viene negata la possibilità di un’infanzia sana a causa dell’isolamento dalla società. Oltre alla mancanza di educazione convenzionale che la maggior parte dei bambini riceve.

Nel 2008 la corte suprema del Nepal ha deciso che le dee dovessero essere educate e ora ricevere lezioni personalizzate all’interno del palazzo. Presentano anche i loro esami lì. Molti Kumari prima di Trishna hanno parlato pubblicamente, per parlare delle difficoltà di reinserirsi nella società, dopo aver lasciato il trono.

In aggiunta a ciò, il numero di ragazze che sono state nominate dalla loro famiglia per competere con Taleju, sta diventando più piccolo. Questa è la soluzione più praticabile in questi casi, affinché le famiglie si informino e prendano le decisioni più convenienti per i loro figli.ecco un video della precedente dea che spiega meglio l’usanza.

Condividi questa storia con la tua famiglia e conoscenti, cosa ne pensi di questa pratica ancestrale?

DPCM con regole più restrittive in arrivo: coprifuoco nazionale?

Autocertificazione in Campania per gli spostamenti: cosa c'è da sapere

Lombardia, necessaria autocertificazione per chi circola dalle 23 alle 5

La testimonianza di Daniele Mondello sul settimanale Giallo

Incidente a San Salvo Marina, Sara Amma Favia morta a 17 anni

Coronavirus: il comune di Arzano sarà zona rossa

Camerota, i primi risultati dell'autopsia di Nancy Chirichiello