La dura realtà di 40.000 bambini minatori

La dura realtà di un bambino di 8 anni, Dorsen e altri 40.000 bambini minatori che partono dai 4 anni – Tutto perché possiamo guidare macchine elettriche e godere dei nostri cellulari di ultima generazione.

Home > Attualità > La dura realtà di 40.000 bambini minatori

La cruda realtà dei bambini lavoratori nei paesi sottosviluppati non è una novità. Tuttavia, per quanto sia un segreto aperto, facciamo orecchie da mercante e scappiamo dall’inferno che ognuno di questi piccoli soffre ogni giorno, combattendo per la propria vita e mangiando qualcosa. Un esempio di ciò è ciò che accade nelle miniere di cobalto nella Repubblica Democratica del Congo

Grazie ad una spedizione di giornalisti della catena SkyNews che erano presenti in Congo, sono stati in grado di rivelare la storia di un piccolo di 8 anni e più di 40.000 bambini che lavorano nelle miniere di estrazione di cobalto, per darci la possibilità di guidare un’auto elettrica. È straziante! Alcuni bambini hanno solo 4 anni e il loro visetto dice tutto. Le condizioni in cui lavorano sono faticose ed eccessivamente pericolose per la loro salute. La polvere rossa e tossica brucia i loro occhi, rischiando malattie della pelle e una condizione polmonare mortale. Per 8 centesimi al giorno, sono costretti con la forza e le cattive maniere a controllare le rocce per rilevare il cobalto, il prezioso ingrediente essenziale per le batterie che alimentano le auto elettriche e i telefoni cellulari intelligenti. E il peggio deve ancora arrivare, dopo che alcuni paesi, come la Gran Bretagna, hanno vietato la vendita di auto a benzina e diesel dal 2040, il che implica un massiccio aumento della produzione di veicoli elettrici. Questo è il prezzo che pagheranno per la nostra energia pulita!: Una salute deteriorata e probabilmente una morte prematura … È spaventoso!

Le scene che i giornalisti hanno visto li hanno lasciati senza parole. Hanno visto come Dorsen, che ha a malapena 8 anni, è stato minacciato da un uomo per aver trascurato una roccia.

Poi il povero Dorsen barcollò sotto la pressione di un sacco terribilmente pesante che doveva trasportare per scaricarlo sotto una pioggia torrenziale.

“Quando lavoro, soffro. Mia madre è morta e devo lavorare tutto il giorno e mi fa male la testa”, ha detto Dorsen.

“Quando mi alzo ogni mattina, è orribile dover tornare di nuovo in questo posto. Tutto fa male”, ha detto Richard, 11 anni.

Il cobalto viene estratto con manodopera non regolamentata e trasportato in Asia, dove i produttori di batterie lo utilizzano per rendere i loro prodotti più leggeri, più duraturi e ricaricabili.

Quasi tutti i principali produttori di motori che si impegnano a produrre milioni di veicoli elettrici acquistano il loro cobalto dal Congo.

 

I bambini vengono solitamente inviati alla grotta senza alcuna protezione, vanno a piedi nudi e contraggono un numero infinito di malattie, oltre a temere per la loro vita nella possibilità di essere sepolti sottoterra.

Non c’è nemmeno una registrazione del numero di bambini morti nelle miniere, ma si stimano circa 100 all’anno.

 

Tuttavia, ci sono molti … molti altri che finiscono per essere sepolti e nessuno lo sa.

Ma nonostante l’atrocità di ciò che accade, c’è una piccola luce alla fine del tunnel. Dopo aver appreso la storia di Dorsen e Richard, fu intrapreso un salvataggio finanziato dall’ONG Kimbilio.

La buona notizia è che ora vivono in una casa per bambini sostenuta dalla Chiesa cattolica, hanno dormito su un materasso per la prima volta nella loro vita e frequentano la scuola. Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare per tutti gli altri.

Faremo conoscere a tutti questo orrore che le grandi aziende vogliono tenere nascosto. Condividilo in modo che raggiunga le persone giuste in mezzo a tutti coloro che non vogliono vedere questa dura realtà.