La fanciulla

"La fanciulla", una giovane inca che morì 500 anni fa e il suo corpo è rimasto talmente intatto che sembra possa aprire gli occhi da un momento all'altro

Home > Attualità > La fanciulla

Testa leggermente inclinata, mani intrecciate in grembo, capelli intrecciati finemente che scivolano lungo le guance e un’espressione facciale di assoluta pace. Tutto sembra indicare che questa giovane Inca stia facendo un sogno molto piacevole e che da un momento all’altro aprirà gli occhi … Se non fosse per il fatto che il suo corpo risale a 500 anni fa.

“La fanciulla”, come è stata battezzata, è la mummia Inca meglio conservata conosciuta. Attualmente, il suo corpo riposa nel Museo Archeologico dell’Alta Montaña , in Argentina, dove ha scosso il pubblico da quando è stato esposto nel 2007. I visitatori del museo sono stupiti quando notano i capelli sulle braccia della ragazza, la sua pelle quasi perfettamente conservata e persino i pidocchi che risiedono sulla sua testa il giorno in cui è morta. L’adolescente, che in seguito si è saputo che è morta all’età di 15 anni, è stata trovata vicino ad altri due bambini sulla cima di un vulcano nuvoloso nel 1999. L’impressionante scoperta è stata fatta da un team di archeologi che hanno combattuto per 3 giorni per sopravvivere alle tempeste di neve e ai forti venti che hanno colpito la zona. La vetta del vulcano dove hanno trovato la tomba, il Llullaillaco, si trova a 6.700 metri sul livello del mare. Dopo aver scavato 1,5 metri, gli archeologi hanno trovato la tomba Inca. Una volta lì, uno di loro si presentò per primo, mentre il resto della squadra lo teneva per le caviglie ed estrasse i corpi dei 3 bambini. Nella tomba trovarono anche una straordinaria collezione di elaborati pezzi d’oro, argento e conchiglie.

Tuttavia, ciò che più ha colpito gli scienziati è stato lo stato di conservazione dei corpi. A differenza delle mummie egiziane, queste non erano imbalsamate, ma mantenute intatte dalle condizioni ambientali estreme del luogo. Il corpo della ragazza più piccola fu trovato leggermente danneggiato perché era stato colpito da un fulmine, ma una scansione mostrò che gli organi interni erano in perfette condizioni, incluso il cervello. Uno di loro aveva ancora del sangue nel cuore.

Quando i vasi sanguigni furono scongelati, il sangue divenne rosso, proprio come se fossero ancora vivi. Secondo l’archeologo americano e membro della squadra di spedizione, Johan Reinhard, questi bambini non sono stati sacrificati per nutrire o placare gli dei, ma per garantire loro “l’ingresso nel regno degli dei e vivere con loro in paradiso” .

Questo rito era considerato un grande onore per i sacrificati; la transizione verso una vita migliore da cui ci si aspettava che continuasse a mantenere il contatto con gli uomini sacri, gli sciamani. Gli Incas credevano che, salendo sulle cime innevate delle montagne più alte, potessero avvicinarsi ai cieli e quindi comunicare meglio con i loro dei. Per questo motivo si ritiene che il viaggio dei 3 bambini sia stato terribilmente lungo e difficile: avrebbero dovuto iniziare a 800 km da Cuzco, in Perù, da dove provenivano.

In questo modo, partirono a piedi e in processione con altri bambini, sacerdoti e “ufficiali”, fino a raggiungere la vetta del Llullaillaco. Una volta raggiunto questo obiettivo a oltre 6000 metri sul livello del mare, con un clima estremamente freddo e ostile, unito a una estrema stanchezza, i sacerdoti hanno aspettato che i bambini morissero per metterli nella tomba .

Il sacrificio dei bambini è stato chiamato Capacocha e la loro preparazione potrebbe iniziare anni prima che il bambino selezionato fosse ucciso. Questo è il corpo mummificato di un bambino morto in questo modo.

Gli scienziati hanno anche scoperto che “La fanciulla” ha sofferto di un’infezione polmonare simile alla tubercolosi, quindi sperano che i campioni prelevati dal suo corpo contribuiranno a dare indizi su malattie moderne, svelino antichi misteri e fermino persino la rinascita di malattie del passato.