La festa della donna

L'8 Marzo si avvicina, ma pochi conoscono le sue vere origini. La festa della donna non è nata da una celebrazione, ma da una orribile tragedia...no, non si tratta dell'incendio nella fabbrica, ha origini molto prima e come donna, hai il dovere di sapere

Home > Attualità > La festa della donna

Nell’anno 1857, la Giornata internazionale della donna ebbe origine l’ 8 marzo, ma non è emersa come una celebrazione ma come una tragedia. Quel giorno, centinaia di lavoratrici in una fabbrica tessile di New York scesero in piazza per protestare perché ricevevano meno della metà dello stipendio che prendevano gli uomini.

Inoltre lavoravano in condizioni deplorevoli e per questo motivo decisero di andare in strada per chiedere i loro diritti. Ma quella dimostrazione non è finita bene. La polizia agì per disperdere la protesta ma 120 delle donne che protestavano a favore dell’uguaglianza, sono morte. Il resto degli operai non si arrese e due anni dopo fondarono il loro primo sindacato. Da allora, l’8 marzo è diventato un simbolo delle proteste delle donne ed è per questo che questo giorno è ricordato come un progresso verso l’uguaglianza di genere nella società. Nel 1909 si tenne per la prima volta una giornata nazionale di donne dichiarate dal Partito Socialista negli Stati Uniti. Quel giorno c’erano numerose proteste in cui reclamavano lo slogan “Pane e rose”, il pane rappresentava la sicurezza economica e le rose la qualità della vita. Nel 1910 si tenne la II Conferenza internazionale delle donne socialiste tenutasi a Copenaghen e la richiesta di suffragio universale fu confermata per tutte le donne. Grazie alla proposta di Clara Zetkin, l’8 marzo è stata proclamata come la giornata internazionale della donna. Centinaia di donne provenienti da 17 paesi diversi hanno partecipato all’evento. Ma allora cosa c’entra l’incendio nella fabbrica che uccise altrettante donne?

UNA TRAGEDIA CHE HA SEGNATO LA STORIA

Un anno dopo, il 25 marzo 1911, le donne che lavoravano in una fabbrica di camicie chiamata Triangle Shirtwaist a Manhattan, New York, furono vittime di una tragedia. All’alba l’edificio iniziò a bruciare tra le fiamme e gli operai che erano nel posto non potevano fuggire dal fuoco perché i proprietari avevano bloccato tutte le uscite, presumibilmente per evitare furti.

In quel fuoco morirono 146 donne, la maggior parte di loro erano immigrati ebrei o italiani che si guadagnavano da vivere lavorando in quella fabbrica nonostante le condizioni precarie. Sono morte per ustioni, smottamenti e inalazione di fumo. Alcune si suicidarono anche nel mezzo della disperazione.

AVANZAMENTI LEGISLATIVI

Dopo questa tragedia, le leggi degli Stati Uniti hanno iniziato a promuovere miglioramenti nella sicurezza del lavoro, perché molte organizzazioni hanno parlato contro ciò che era accaduto.

Nell’ultimo addio delle vittime, oltre centomila persone hanno eseguito una parata silenziosa come tributo alla sofferenza delle donne che hanno perso la vita perché non avevano le giuste condizioni nel loro lavoro, per far valere i loro diritti.

Infine, nel 1977, l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha trasformato l’8 marzo nella Giornata internazionale per i diritti delle donne e la pace internazionale, commemorando la storica lotta per migliorare la vita delle donne. Questo è il modo in cui altri paesi tenevano conto di quella data per commemorarla ogni anno.

Molti pensano che la celebrazione di oggi sia venuta dalla gioia, ma non è così. Dobbiamo continuare a lottare ogni giorno per l’uguaglianza di genere, il rispetto dei diritti umani e della giustizia nella vita matrimoniale, nel lavoro e nei diritti civili.

Tutti i progressi sull’uguaglianza che sono stati raggiunti nel corso della storia sono il risultato di quel gruppo di donne coraggiose che hanno deciso di rischiare la vita per protestare in difesa dei diritti di tutti. È importante che tutti siamo impegnati a lavorare per l’uguaglianza e la giustizia, e l’8 marzo è il giorno perfetto per ricordarlo. Non andartene senza condividerlo con i tuoi amici!