La ladra

Un video mostra come un passeggero abbia rubato in modo clamoroso il guidatore di Uber

È molto frustrante quando qualcuno ti porta via parte di ciò che hai guadagnato nella tua giornata di lavoro come risultato del tuo impegno. Questo è esattamente quello che è successo a un autista che lavora per la compagnia Uber mentre svolgeva un servizio per tre giovani, due donne e un uomo, a New York City.

Alla fine del viaggio una delle ragazze ha infilato la mano nel pacchetto di tip e ha preso tutto il denaro che c’era. Dopo questo evento l’autista ha scritto alla compagnia raccontando cosa è successo nella speranza di recuperare i soldi persi. Indubbiamente era una palese rapina. Le immagini sono state registrate nella fotocamera che è stata installata sul cruscotto dell’auto. La giovane donna ha perpetrato il furto con tanta naturalezza che sembrata fosse normale per lei. Uber ha provato a stabilire un contatto con l’utente dell’account senza ottenere comunicazioni. Inoltre ha bloccato l’account in modo da non poter accedere all’applicazione da nessuna parte. Ha anche raccomandato che l’autista presenti il ​​reclamo per avviare un’indagine formale sul caso, utilizzando il video come prova del furto. Proprio mentre questa giovane donna si stava preparando per uscire dall’auto, lei porta la mano al contenitore, si ferma un po ‘, ma poi continua con l’obiettivo che aveva in mente … rubare i soldi. Senza staccare gli occhi dalla telecamera, questa ragazza finisce di mettere la mano nel barattolo, prende i soldi e poi scende dalla macchina. I tre amici attraversano in fretta la strada.

L’autista era inconsapevole di ciò che stava accadendo, finché non si rese conto che le mance non c’erano. All’inizio, cercò di seguire i ladri, ma vedendo che avevano guadagnato distanza decise di non inseguirli. L’autista informò Uber di ciò che accadeva presumendo di poter ricevere un riconoscimento per il furto di cui era stato vittima. Tuttavia, la risposta dell’azienda è stata molto esplicita per quanto riguarda la portata della sua gestione.

Lo hanno aiutato a localizzare l’utente per telefono e via e-mail e gli hanno raccomandato di fare il rapporto nelle istanze corrispondenti. “Comprendiamo la tua frustrazione per questa brutta esperienza. Cerchiamo di contattare l’utente per telefono ed e-mail, ma non siamo stati in grado di stabilire una comunicazione con lei. ”

Anche se la società Uber ha offerto il supporto necessario all’autista per presentare la denuncia, ha sostenuto che erano troppo impegnati per presentare un rapporto alla polizia. Nel frattempo l’utente continua con il suo account disattivato dalla società e non gli è più consentito utilizzare il servizio.

La società Uber ha confermato che, sebbene l’uso del servizio proibisca la raccolta di contante, si lascia aperta la possibilità che i conducenti ricevano mance sotto la loro responsabilità. Sicuramente questi giovani hanno agito in malafede e dovrebbero restituire il denaro rubato, da parte sua l’autista ha dovuto fare il corrispondente rapporto per localizzarli, fargli pagare il crimine commesso ed evitare un’altra vittima.

È una storia che richiede una riflessione sulla perdita di valori vissuti oggi, sono giovani che non misurano le conseguenze delle loro azioni. Condividi questa notizia con i tuoi amici e familiari.

Famiglia uccisa in California, padre, madre, neonata e anche il cane: per la polizia è colpa di un'alga tossica

Famiglia uccisa in California, padre, madre, neonata e anche il cane: per la polizia è colpa di un'alga tossica

Incidente a Novara, mamma e figlia di 13 anni morte a causa dei traumi riportati

Incidente a Novara, mamma e figlia di 13 anni morte a causa dei traumi riportati

Che fine ha fatto il comandante Francesco Schettino

Che fine ha fatto il comandante Francesco Schettino

Doveva operarsi per un tumore ma scopre che era tutt'altro

Doveva operarsi per un tumore ma scopre che era tutt'altro

Pier Francesco Carofano, il 19enne che si è sparato un colpo alla testa dopo un litigio con i genitori, non ce l'ha fatta

Pier Francesco Carofano, il 19enne che si è sparato un colpo alla testa dopo un litigio con i genitori, non ce l'ha fatta

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

Eitan deve tornare in Italia: bambino affidato alla zia paterna dai giudici israeliani

Eitan deve tornare in Italia: bambino affidato alla zia paterna dai giudici israeliani