la perdita del loro amato figlio

Il loro bambino aveva un male incurabile alla testa. Gli avevano dato 9 mesi di vita, ma lui riusci a vivere per due anni. Due settimane dopo la perdita del loro amato figlio, trovano il diario del loro bambino: scoprono un segreto che li lascia completamente in lacrime

Home > Attualità > la perdita del loro amato figlio

Un ragazzo di 14 anni sognava di diventare zoologo, nel momento in cui gli fu diagnosticato un tumore cerebrale incurabile. Khushil aveva sogni e aspettative per la sua vita che sfortunatamente erano oscurati da uno strano e mortale tumore al cervello. I suoi genitori, Namrata e Bhavesh Pandya, decisero di non dire al giovane la verità.

Volevano rendere i suoi ultimi mesi i più belli della sua vita. Tuttavia, la coppia ha ricevuto una bruttissima sorpresa quando hanno scoperto che il loro defunto figlio aveva sempre saputo che sarebbe morto. La stanza di Khushil è decorata con i suoi animali preferiti, in essa sua madre ha scoperto il diario del bambino, due settimane dopo la sua morte. Seduta nel letto di suo figlio e inondata di lacrime, la donna ha letto alcune pagine scritte dal bambino pochi giorni dopo la diagnosi di cancro, il 15 marzo 2015. “Dal primo giorno, ho saputo le conseguenze”, c’era scritto nel diario di Khushil. Al momento della diagnosi, i medici hanno indicato ai genitori che al giovane restavano solo tra i 6 e i 9 mesi di vita, a causa della rara Diffusione Intrinseca di Glioma Pontino (DIPG) che aveva. Tuttavia, il piccolo guerriero ha sfidato tutte le probabilità ed è vissuto due anni e mezzo più a lungo, dopo che la malattia è stata scoperta. Nel marzo 2015, il giovane è stato inviato in un ospedale oftalmologico per controllare il suo strabismo e dopo una risonanza magnetica è stato scoperto il tumore che era evidente. In quel momento il mondo crollo addosso a questi genitori, che decisero di non dire tutta la verità al bambino per non togliergli il desiderio di vivere. Questo nonostante il fatto che entrambi fossero consapevoli che il tumore era incurabile.

“Alla fine, venne un dottore e ci chiese di vederci in un’altra stanza e lasciammo Khushil che parlava con un’infermiera della scuola. La prima domanda che fece fu: “Khushil è il tuo unico figlio?” Ho avuto una sensazione di disagio nello stomaco quando ho risposto: “Sì. Perché? Poi ci ha detto che Khushil aveva un tumore al cervello e aveva mandato lo scanner allo University College Hospital, che ha confermato che si trattava di cancro “, ha detto la signora Namrata.

Il bambino sapeva di avere un tumore ma i suoi genitori non rivelavano la gravità della questione, o che i medici lo avevano già dato per spacciato. Nove mesi questa madre si è portata Khushil nella sua pancia per metterlo al mondo e ora i medici gli davano solo 9 mesi per salutarlo. Nonostante il dolore straziante, hanno deciso di nascondere la verità al bambino.

 

“Pensavamo di proteggere Khushil, ma in realtà era lui a proteggerci, il che non è strano perché era amorevole e altruista”, ha detto Namrata. Dopo la diagnosi, Khishil continuava a fare la valigia ogni mattina, il suo grande sogno era andare all’università e studiare zoologia. Per questo motivo, i suoi genitori gli hanno dato diversi viaggi ai suoi luoghi preferiti come Thorpe Park, Planet Hollywood e incontrò i suoi eroi, tra cui il mago Dynamo e presentatore di Deadly 60, Steve Backshall prima di un concerto dal vivo. Ha anche partecipato a vari safari.

L’ultimo viaggio della famiglia è stato in Alaska e sei mesi dopo il ritorno a casa, i sintomi del bambino sono diventati ancora più acuti. Il bambino cominciò a zoppicare ed gli risultava difficile parlare e nutrirsi, il tumore stava crescendo rapidamente. Tuttavia, i genitori erano grati che il bambino fosse ancora nelle loro vite dopo il tempo previsto dai medici.

“Una notte stavamo guidando al buio quando improvvisamente il cielo si illuminò di luce verde. Erano le luci del nord e il viso di Khushil si illuminò meravigliosamente. Sono molto grato di avere ricordi meravigliosi come l’ultima vacanza di Khushil. ” Ha detto la signora Namrata.

Quando si avvicinavano all’addio inevitabile, questi genitori dovevano decidere il luogo in cui avrebbero salutato il loro piccolo. Per questo motivo, non hanno portato Khushil all’ospedale, ma lo hanno tenuto a casa. Il ragazzo chiuse gli occhi il 4 settembre 2018 e volò in paradiso in tranquillità e dal calore della sua casa e dall’amore dei suoi genitori.

Ora, la signora Namrata e suo marito Bhavesh Pandya sono rimasti commossi quando hanno scoperto il diario del figlio e si sono resi conto che il ragazzo ha sempre saputo la verità sulla sua malattia. Non c’è dubbio che il cuore di questo bambino era pieno d’amore, fino ai suoi ultimi giorni di vita ha deciso di tacere per evitare di causare più dolore ai suoi genitori.

Per questo motivo, come parte dell’eredità di Khushil, la famiglia sta collaborando con The Brain Tumor Charity Foundation e contribuisce a portare speranza ad altri bambini malati.