Il funerale di Diana Pifferi

La piccola Diana sepolta con i peluche: anticipati ad oggi gli esami sul latte

Oggi verranno effettuati gli esami sulle tracce di latte. Tanto affetto durante il funerale della piccola Diana, presenti oltre 150 persone

Diana ha ricevuto tanto affetto il giorno del suo funerale. Le mamme del suo quartiere, con indosso una maglietta in suo onore, hanno scortato la piccola bara bianca. Momenti pieni di commozione, ma anche di rabbia.

Il funerale di Diana Pifferi

Una bimba di 18 mesi, morta di stenti per colpa di sua madre, che ha anteposto a lei l’amore per un uomo. Nonna Maria e zia Viviana, prima attaccate e criticate, sono state abbracciate e consolate da tutti. Le due non sapevano che la nipotina veniva lasciata a casa da sola per giorni. Non immaginavano la sofferenza che Diana era costretta a subire. Oggi non trovano una spiegazione e hanno scelto di chiudere ogni rapporto con Alessia Pifferi: “È una pazza”.

All’uscita del feretro, tanti palloncini sono volati nel cielo, applausi e commozione tra la folla. Più di 150 persone per dire addio alla bimba morta di stenti.

funerale diana

I presenti si sono poi recati al cimitero, dove la piccola è stata sepolta insieme a due peluche, con i quali potrà giocare libera e a tanti mazzi di fiori.

Gli amici e i cittadini chiedono una pena esemplare, perché la morte di Diana non può restare impunita.

Anticipati gli esami sul biberon di Diana

È stato deciso anche, vista la gravità della faccenda, di anticipare ad oggi gli esami sulle tracce di latte. Gli inquirenti vogliono capire se Alessia Pifferi abbia sedato la figlia. Se così fosse, il suo gesto potrebbe aver impedito alla bambina di piangere e cercare aiuto e spigherebbe perché nessun vicino l’ha sentita soffrire, mentre moriva di stenti.

Manifesto funebre Diana Pifferi

Alessia Pifferi continua a ripetere di non aver mai dato l’ansiolitico alla figlia. Le ha fatto assumere soltanto gocce di tachipirina perché negli ultimi giorni era irrequieta e credeva che fosse per i dentini.

I risultati saranno fondamentali per l’accusa di premeditazione, al momento lasciata cadere dal Gip. Alessia Pifferi rischia di essere condannata all’ergastolo.