La piccola era nata prematura

La piccola era nata prematura ed era stata pure abbandonata in ospedale. Pesava solo 900 grammi, quando questa infermiera decise che sarebbe stata sua madre.

Home > Attualità > La piccola era nata prematura

Liz Smith è la direttrice infermieristica dell’Ospedale pediatrico Franciscan di Brighton, Massachusetts. Un giorno come ogni altro, stava andando verso l’ascensore quando vide un bel bambino con grandi occhi azzurri e non poté fare a meno di fermarsi a contemplarlo.”Chi è quel bellissimo angelo?” Chiese all’infermiera che la stava spostando, che rispose: “Il suo nome è Giselle”.

La bambina era nata prematura e soffriva di sindrome da astinenza neonatale, quindi “consumava” sua madre  durante la gravidanza, pesava poco più di 900 grammi. Durante i suoi primi cinque mesi di vita mentre era ricoverata in ospedale, nessuno andò a farle visita. A tre mesi fu trasferita all’Ospedale pediatrico francescano perché i suoi polmoni presentavano complicazioni. Ma nonostante le avversità la piccola non era disposta a rinunciare, aveva una forte voglia di vivere, con il supporto dei medici che andava avanti a superare le peggiori previsioni. Fortunatamente, il destino avrebbe messo un angelo sulla sua strada che gli avrebbe offerto l’opportunità di crescere in salute, felice e circondata dall’amore. Dato il suo stato di abbandono, i servizi sociali hanno cercato di offrirle una casa adottiva, quindi Liz ha preso la decisione di proporsi, “Sarò tua madre”, ha detto. “Dal momento in cui l’ho incontrata, c’era qualcosa dietro i suoi sorprendenti occhi blu che attirò la mia attenzione. Sentivo di aver bisogno di amare quella bambina per tutta la vita e di tenerla al sicuro “, ha aggiunto l’infermiera. Liz ha presentato una richiesta per adottare Gisele, ogni giorno alla fine della sua giornata di lavoro si è seduta accanto alla sua culla nell’ospedale per parlare con lei a bassa voce e trasmettere messaggi di incoraggiamento.

Quando Gisele compì nove mesi, nell’aprile del 2017, Liz ricevette l’autorizzazione per portarla a casa nonostante il fatto che ciò che la legge stabiliva era che lo stato avrebbe analizzato le possibilità di ricongiungerla con i suoi genitori biologici.

Il 18 ottobre dello scorso anno un tribunale del Massachusetts approvò l’adozione di Gisele e diede i suoi documenti legali a Liz, ufficialmente lei era la madre della bambina che le affascinò il cuore e che aveva bisogno di crescere nel grembo di una mamma amorevole.

Il gesto di Liz ha conquistato l’ammirazione di migliaia di persone che riconoscono il suo nobile atto d’amore, anche se i primi mesi della vita di Gisele sono stati segnati dall’abbandono e dal dolore, avrà giorni pieni di sorrisi e colori insieme a la sua nuova mamma.

Vale la pena condividere questo risultato emotivo, non c’è nulla di impossibile quando si agisce con la forza dell’amore.