La piccola scomparsa

"Mamma ho paura c'è un auto che mi sta seguendo" furono le ultime parole della piccola Lisset di 8 anni...dopo 9 anni dalla sua scomparsa i genitori non si arrendono...ecco cosa è accaduto

Il caso di Lisset Soto Salinas causò agitazione in Messico, la bambina di otto anni stava camminando verso casa sua quando notò che un’auto la stava seguendo. Si spaventò e chiamò sua madre, le disse che un grosso veicolo la stava seguendo, dopo di che si interruppe la chiamata.

Quella è stata l’ultima volta che Esmeralda Salinas Gutiérrez ha sentito la voce di sua figlia, non ha più avuto sue notizie da quel giorno in cui qualcuno l’ha presa. Lisset avrebbe attualmente 17 anni, ma i suoi genitori non hanno mai più avuto sue notizie, quando la ragazza ha contattato sua madre si trovava a La Paz, Bassa California del Sud.

“Voleva fare la ballerina. Quello era il suo sogno e fu troncato; tutta la sua vita è stata troncata, i suoi desideri, assolutamente tutto “, ha detto Melchor Soto Torres, padre della bambina scomparsa nel 2010. I media hanno fatto eco al caso, una grande operazione di ricerca è stata distribuita per trovare la ragazza, ma sfortunatamente non ha avuto risultati.

I suoi genitori affermano che non esiste ancora una solida linea di ricerca o un indizio su dove si trovi la ragazza. “Non siamo riusciti a passare dalla fase di ricerca, alla fase iniziale, perché non ci sono dati. Sì, mi dicono gli sbirri, hanno delle linee di indagine, ma nessuna solida, nessuna coerente. Continuano con ipotesi, ma è un processo molto lento, sono già nove anni “, ha detto Melchor.

In Messico, le statistiche sulla scomparsa di minori sono allarmanti, secondo i dati ufficiali forniti dai diritti del fanciullo, negli ultimi quattro anni sono scomparsi 6.614 bambini e adolescenti. La famiglia di Lisset ha vissuto anni di angoscia e dolore, due anni prima della scomparsa si erano trasferiti da Città del Messico a La Paz. Lisset e suo fratello hanno studiato in una scuola elementare raccomandata da un amico dei genitori.

“Un amico ci ha aiutato a rendere più semplice l’intero processo di iscrizione. Il problema è che non era vicino a casa ” , ha detto Melchor. Nell’ottobre 2010, i genitori di Lisset si sono preparati per festeggiare il suo nono compleanno, mancava un mese e voleva festeggiare con un gruppo di amici in una classe.

Il fratello di Lisset aveva terminato la scuola elementare e lo hanno cambiato in un’altra scuola, ma lei voleva rimanere nello stesso centro perché aveva stretto buone amicizie.  La piccola quel giorno prese l’autobus,  scese dal veicolo e chiamò sua madre terrorizzata per avvertirla che era stata inseguita da un’auto, la madre cercò di calmarla e si diresse rapidamente verso di lei, ma sua figlia non c’era più.

I genitori hanno presentato una denuncia all’ufficio del procuratore generale a Città del Messico, la polizia ha iniziato a indagare sui genitori della bambina, affermano che psicologicamente sono stati molto colpiti dal trattamento ricevuto. Il cellulare di Lisset scomparve accanto a lei, l’analisi e il monitoraggio della connessione cedettero come ultimo punto in cui l’avevano portata.

Due anni fa hanno fatto un ritratto del progressivo Lisset dell’età, i genitori chiedono che sia aggiornato e realizzato con la migliore tecnologia in modo che possano avere la massima precisione. “Ho parlato mesi fa con il commissario per la ricerca nazionale per chiedere un sistema migliore di ritratti progressivi, mi ha detto che era una proposta interessante, ma è finita lì”, ha detto il padre.

Su una pagina Facebook , i genitori di Lisset pubblicano informazioni sulla scomparsa di altri bambini. Melchor si è dedicato a combattere per la causa e ad aiutare altre famiglie che hanno subito la stessa esperienza. Dice che non riposerà fino a quando non saprà dove si trova sua figlia. La sua testimonianza entusiasma migliaia di persone che mostrano il loro supporto con messaggi incoraggianti sulle reti, condividendo questo caso.

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Udienza Vivina e Gioele: Daniele Mondello rompe il silenzio su Facebook

Udienza Vivina e Gioele: Daniele Mondello rompe il silenzio su Facebook

Denise Pipitone: fissata l'udienza. Il caso rischia una nuova archiviazione

Denise Pipitone: fissata l'udienza. Il caso rischia una nuova archiviazione

Squid Game, ansia e paura tra i genitori: bambini scoperti a giocare al "gioco del calamaro"

Squid Game, ansia e paura tra i genitori: bambini scoperti a giocare al "gioco del calamaro"

Incidente in scooter a Positano, ragazza di 17 anni muore mentre va a scuola

Incidente in scooter a Positano, ragazza di 17 anni muore mentre va a scuola

Va da Zara e viene arrestata

Va da Zara e viene arrestata

I figli non sono suoi, dopo 20 anni i giudici prendono una decisione incredibile

I figli non sono suoi, dopo 20 anni i giudici prendono una decisione incredibile