La polemica sfilata

Fanno sfilare dei bambini in un centro commerciale. Quando si scopre chi sono e perché lo fanno scoppiano le polemiche.

Home > Attualità > La polemica sfilata

Non è un segreto per nessuno che un processo di adozione comporta una serie di rigorose procedure legali, al fine di garantire il benessere del minore svantaggiato. Almeno, dovrebbe essere la norma. Tuttavia, una casa di adozioni ha suscitato polemiche mostrando bambini in passerella, di fronte a un gruppo di “possibili parti interessate”.

Lo “spettacolo” ha avuto luogo martedì 21 maggio, in un centro commerciale a Cuiaba, nel Matto Grosso, in Brasile. In passerella c’erano circa 18 bambini di età compresa tra i 4 e i 17 anni, che con vestiti, trucco e acconciature, si “esibiti” davanti a circa 200 persone che frequentavano il posto. La casa per adozione ha giustificato l’evento come una notte in cui le persone o coppie adatti all’adozione hanno l’opportunità di incontrare i bambini, in modo che possano “dare visibilità a bambini e adolescenti che possono essere adottati”. Tuttavia, sembra che l’ultima cosa che gli organizzatori pensavano fosse l’effetto psicologico e la sicurezza dei bambini. La cosa più sfortunata è che questa non è la prima passerella di questo tipo che fa attenzione a questa casa. Secondo loro hanno commentato, con la sfilata precedente hanno raggiunto l’adozione di due adolescenti. Tra i responsabili della controversa parata c’è il presidente dell’Associazione per la ricerca e il supporto per l’adozione del Mato Grosso (Ampara), la Commissione per l’infanzia e la gioventù (CIJ) dell’Ordine degli avvocati del Brasile (OAB).

Ma, di fronte a quanto accaduto, la Segreteria nazionale per i diritti dei bambini e degli adolescenti ha espresso la sua “preoccupazione” per questo tipo di attività. Come previsto, dopo aver ascoltato la notizia, l’evento è diventato virale e più di uno è rimasto indignato dal modo contraddittorio con cui queste autorità intendono promuovere l’adozione.

“I bambini sfilano, in modo che i pretendenti vedano quanto sono belli e gentili, mi sembra un vecchio mercato degli schiavi, dove le persone valutano gli africani per fare la loro offerta. Non penso che sia grandioso, anzi, penso che puzzi.” Eduardo Mahón, un avvocato dello stato del Mato Grosso, ha scritto su Twitter.

In sua difesa, il presidente di AMPARA ha anche deciso di parlare della questione nel suo social network. Anche se questo è riuscito solo ad aumentare le polemiche ancora di più. “Siamo un’organizzazione seria, non giochiamo con i sentimenti dei bambini. Tutti i bambini erano già stati presentati a diverse famiglie, negli orfanotrofi, ma nessuno li ha adottati ” ha dichiarato la massima autorità di AMPARA.

Gli organizzatori hanno anche dichiarato che i minori avevano acconsentito alla loro partecipazione all’evento. Un argomento ancora più illogico, considerando che non solo gli adolescenti hanno partecipato, ma anche i bambini di 4 anni.

Il problema è umiliante e pericoloso per i bambini che potrebbero subire gravi conseguenze psicologiche, come la depressione o sentimenti di frustrazione, se non adottati da uno dei partecipanti. Da qualsiasi punto di vista, questo fatto indica solo una sorta di oggettivazione dei bambini come merce, qualcosa di assolutamente inaccettabile.

Questa sfilata è stata oggetto di critiche da parte di coloro che hanno alzato la voce a favore dei diritti dei bambini senza sottovalutare il loro benessere emotivo. Condividi e commenta la tua opinione.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI