La quercia va abbattuta e una libraia crea al suo interno una biblioteca

È successo nell'Idaho, negli Stati Uniti d'America.

Home > Attualità > La quercia va abbattuta e una libraia crea al suo interno una biblioteca

Una piccola libreria gratuita è comparsa in Idaho, stato nord occidentale degli Stati Uniti d’America. Ma ne sta parlando tutto il mondo per una sua particolarità ‘fiabesca’: si trova all’interno di un albero.

La quercia va abbattuta e una libraia crea al suo interno una biblioteca

Un’artista originaria di Coeur D’Alene ha preso un ceppo di più di 100 anni e ha creato una piccola biblioteca per il suo quartiere, dove chiunque può chiedere in prestito i libri che contiene. Tuttavia, c’è una regola: per prendere un libro, bisogna depositarne uno al suo posto, ovvero “Take a book. Return a book”.

Questa splendida e suggestiva idea è stata realizzata da Sharalee Armitage Howard che di professione, manco a dirlo, fa la libraia in una biblioteca comunale della fredda città statunitense.

La quercia va abbattuta e una libraia crea al suo interno una biblioteca

La donna ha raccontato alla stampa locale che, quando una quercia vicino casa si è ammalata, ha scelto di preservarne la dignità e la bellezza con la costruzione al suo interno di una piccola libreria, aggiungendo al tronco dell’albero un tetto, una porta e anche l’energia elettrica per illuminare i volumi.

La quercia va abbattuta e una libraia crea al suo interno una biblioteca

Questa libreria fa parte del circuito Free Little Library, di cui fanno parte casette di legno piene di libri, resistenti alla pioggia, accessibili a chiunque e poste in qualunque posto ci sia la presenza costante di persone (come i parchi, i bar, le fermate degli autobus…). Nel mondo ce ne sono circa 75mila e sono spazi grazie ai quali si può fuggire dalla realtà dinamica e frettolosa di oggi per farsi coccolare da quella raccontata dai libri.

La prima Little Free Library in Italia, come si legge su Italiachecambia.org, è apparsa a Roma nel 2012 quando Giovanna Iorio – insegnante, scrittrice e blogger – ha organizzato una raccolta fondi per acquistare oltreoceano la casetta di legno che è stata collocata nel parco dell’Inviolatella Borghese.