rabbia ryan

La rabbia del papà del piccolo Ryan contro la nonna: non riesce ancora a crederci

La rabbia del papà del piccolo Ryan, nei confronti della nonna, che sarebbe anche sua madre: per lui lo ha tradito

Una bella notizia è quella arrivata in queste ultime ore dall’ospedale Gaslini di Genova, dove si trova ricoverato il piccolo Ryan. Grazie alle cure tempestive dei medici, sta facendo dei miglioramenti. Il padre gli ha chiesto se voleva una sua carezza e lui ha annuito.

rabbia ryan

Un aggiornamento che riempie il cuore di gioia, ma che porta anche a strazio nell’immaginare ciò che il povero bambino ha dovuto subire in quella giornata.

Era lo scorso 19 dicembre, quando i genitori hanno lasciato i loro due figli a casa della nonna paterna. Per loro non era mai accaduto nulla di strano e il compagno della signora, fino a quel giorno, non aveva mai avuto comportamenti insoliti.

Tuttavia, quando il padre ha rivisto il figlio, si è reso conto della gravità delle sue condizioni. Il piccolo Ryan era in uno stato di semi coscienza. I due signori hanno detto all’uomo che era stato investito da un’auto pirata.

rabbia ryan

Però è solo in questi ultimi giorni, che è venuta fuori la straziante verità. Il compagno della nonna ha picchiato il piccolo fino a ridurlo in fin di vita.

L’uomo trovatosi alle strette dalle indagini delle forze dell’ordine, ha deciso di confessare. Ha detto che lo ha fatto perché il piccolo lo stava disturbando mentre lui era impegnato a spostare i mobili. Il padre, in una nuova intervista con un giornale, ha espresso tutta la sua rabbia nei confronti della madre.

La rabbia del papà del piccolo Ryan

Non riesco a darmi pace. Non riesco a sopportare che al mio bambino sia stato fatto tutto questo. Essere tradito da chi ti ha messo al mondo è il tradimento più brutto.

Soprattutto perché allo stesso tempo ha tradito mio figlio. Non riesco neanche a descrivere lo schifo che mi fa in questo momento.

rabbia ryan

Ha coperto l’orco che aveva in casa. Mi si gela il cuore solo al pensiero di quello che ha sofferto mio figlio quella mattina.