La reazione inaspettata di un attore teatrale

La reazione inaspettata di un attore teatrale, quando un bambino autistico interrompe la rappresentazione sta facendo il giro del web.

Home > Attualità > La reazione inaspettata di un attore teatrale

Le commedie richiedono ore di impegno e molta pratica da parte degli attori e registi della stessa, per creare un vero spettacolo. Per questo motivo, in molti teatri ai partecipanti viene chiesto di non interrompere o fare rumore durante lo sviluppo del lavoro. Ogni persona dovrebbe essere benvenuta nei teatri in modo che possano sviluppare la propria parte artistica

Come accadde quando una madre amorevole decise di prendere il suo piccolo figlio, che soffre di autismo, per vedere l’opera teatrale di Broadway, e il ragazzo emise un grido nel silenzio dello spettacolo The King and Me. Come risultato di quello che è successo, uno dei suoi protagonisti, Kelvin Moon Loh , ha pubblicato una lettera che è diventata virale nelle ultime settimane. Kelvin inizia la sua lettera chiarendo che non farà ciò che tutti si aspettano, non aprirà un processo contro la madre che porta il figlio autistico a vedere una commedia, né si arrabbierà con il bambino per la sua reazione. La lettera di Kelvin pone una riflessione in cui ci interroga su quando abbiamo perso la nostra umanità. Con una prosa sincera, cruda e molto critica delle arti dello spettacolo, l’attore ricorda la funzione del teatro, non è un semplice intrattenimento ma va molto oltre. Il teatro ci unisce con la nostra umanità. Ci ricorda i fatti, ci presenta dolori e speranze, ci interroga e ci interpella, ci colpisce e ci ferisce, ci fa ridere e piangere, ci commuove e ci lascia pietrificati. Dopotutto, il teatro non è nient’altro che una rappresentazione della vita stessa, che genera delle domande su cui riflettere mentre lasciamo la sala per tornare alle nostre vite abituali.

In questa commedia, c’è un momento molto intenso nel secondo atto. Fu in quel momento che il ragazzo scosse il teatro con un urlo profondo. Una settimana prima, un’altra ragazza (non autistica) aveva anche urlato e pianto nello stesso punto della commedia. Tuttavia, l’effetto sul pubblico non fu lo stesso.

Il pubblico ha iniziato a unirsi intorno alla madre e suo figlio per farli uscire dal luogo. Ho sentito mormorii dire: perché portare un bambino così al teatro? – Questo è sbagliato. Chiaramente è un grosso errore “, ha detto l’artista.

Alla fine della lettera, l’attore sottolinea che è completamente contro le rappresentazioni esclusive per le persone autistiche perché queste devono essere per tutti, senza alcuna discriminazione.