La scatola del destino

Non importa quanto tu sia d’accordo con il concetto di “destino”, ma bisogna ammettere che certe storie fanno pensare che forse siamo parte di qualcosa più grande di noi stessi. E’ difficile avere la convinzione che le nostre vite siano già predeterminate e che camminiamo su sentieri già segnati, ma certi avvenimenti fanno pensare che forse, qualcosa già scritto c’è davvero.



ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Gli Stati Uniti sono dall’altra parte del mondo rispetto alle Filippine, ma da quando il vero amore può essere tenuto a bada da tali distanze? Risposta difficile ma non nel caso di Tyrel Wolfe, dell’Idaho, e di Joana Marchan, di Quezon City, che hanno una storia incredibile da raccontare… Quindici anni fa, quando Tyrel Wolfe era solo un bambino di 7 anni, faceva parte di un’iniziativa creata dall’organizzazione umanitaria internazionale Samaritan’s Purse . Il progetto consisteva nell’invio di una scatola di scarpe piena di materiale scolastico, articoli da toeletta e piccoli giocattoli, come regalo di Natale per bambini di vari paesi. Wolfe non aveva idea di dove sarebbe arrivata la sua scatola di scarpe. Era una decisione che non era nelle sue mani. E quello che successe fu che arrivò a Joana Marchan, da Quezon City, a Manila, nelle Filippine. Joana ha inviato un messaggio di ringraziamento ma sfortunatamente la nota non ha mai raggiunto il destinatario. Tuttavia, Joana non ha dimenticato Tyrel. La scatola “significava molto per lei” e il suo mittente è rimasto inciso nella sua memoria. Joana intendeva ringraziarlo appropriatamente.

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Dopo 14 lunghi anni, Joana ha finalmente trovato un modo per rintracciare Tyrel nel 2011. Ha usato Facebook per inviare una richiesta di amicizia al ragazzo americano. Risultò che la coppia aveva in realtà molte cose in comune, incluso il loro amore per la musica cristiana e una ferma fede nella loro religione. La coppia ha trascorso un anno mandandosi messaggi attraverso i social network, e alla fine Tyrel ha deciso di fare un viaggio di 10 giorni nelle Filippine per fare visita a Joana.

Non appena si sono incontrati di persona, hanno capito che erano destinati a stare insieme. “Ho visto la sua faccia e una sensazione incredibile ha invaso il mio intero essere”, dice Joana. “Ero così emozionata che volevo piangere.”

“Sapevo che Joana era l’unica” commenta Tyrel . In breve tempo, Tyrel è tornata nelle Filippine per chiedere la mano a Joana e sposarla. Il 5 ottobre 2014, la coppia si unì nel sacro vincolo del matrimonio.

Ricordando le loro belle origini, la coppia di sposi ha chiesto agli invitati di inviare scatole di Natale da consegnare all’organizzazione della borsa del samaritano e di distribuirle a tutti i bambini del mondo. “La campagna Christmas Child ha unito Joana e me e in qualche modo vogliamo che questo progetto faccia parte della nostra cerimonia”, ha detto Tyrel.

Che meravigliosa storia d’amore! Pensare che una scatola di beneficenza natalizia abbia creato un legame che avrebbe superato la prova del tempo e avrebbe unito due persone che vivevano a così grande distanza!