La solidarietà e la gentilezza devono essere insegnate anche a scuola

Sostituiscono i compiti da fare a casa, con una serie di buone azioni da compiere. Ecco come questa scuola vuole insegnare ai bambini la gentilezza, l'altruismo e l'empatia.

Home > Attualità > La solidarietà e la gentilezza devono essere insegnate anche a scuola

Come genitori, ci sforziamo di educare i nostri figli insegnando loro determinati valori, per molti genitori questa è una priorità, per altri purtroppo no. Insegnare ai nostri figli ad apprezzare alcuni comportamenti di altruismo e generosità, li aiuterà a vivere meglio e a sentirsi bene in qualunque ambiente si trovino.

Valori come l’amicizia, comprensione, tolleranza, pazienza, solidarietà e rispetto sono essenziali per il sano sviluppo dei bambini oggi che diventeranno grandi persone domani e una scuola in Irlanda ha cercato di realizzare questo sogno alla lettera.

L’istituzione ha creato un metodo fantastico per i suoi studenti, invece di portare a casa i compiti scritti delle varie materie, devono eseguire a loro scelta atti a beneficio della loro comunità.

Di fronte alla perdita di valori e di empatia, le scuole in diverse parti del mondo stanno riformando il sistema di lavoro post-scolastico. Ciò deve includere compiti che lasciano un insegnamento per gli studenti che va oltre il semplice settore accademico.

Alla scuola Gaelscoil Mhíchíl Uí Choileáin , i bambini hanno compiti quotidiani che devono completare durante le settimane.

La vita quotidiana dei più piccoli è divisa in quattro giorni alla settimana, dal lunedì al giovedì. Il lunedì viene chiesto di trovare e comunicare con una persona anziana. Il martedì dovrebbero aiutare un membro della famiglia senza che gli venga chiesto.

Il mercoledì è dedicato all’esecuzione di un atto di gentilezza gratuita e il giovedì devono fare qualcosa per prendersi cura della propria salute mentale ed emotiva. È il loro giorno di amare e valorizzare se stessi. Pensi che le scuole di tutto il mondo dovrebbero attuare questo tipo di iniziativa?

Il venerdì non ci sono compiti, ma è il giorno in cui verranno lette alcune note che i bambini mettono in un contenitore preparato per questo scopo, in un’attività chiamata “Diario della gentilezza” per seguire le loro azioni. “Stiamo incoraggiando i nostri allievi a pensare al vero spirito altruistico, allo spirito di gentilezza e condivisione”, ha affermato il direttore dell’istituzione.

Inoltre, nell’ambito dell’iniziativa, ogni gruppo compirà un atto collettivo di gentilezza per la comunità basato sulle idee degli studenti stessi. L’anno scorso il tema era la gratitudine e i bambini hanno tenuto un diario con la loro famiglia per scrivere le piccole cose per le quali erano grati e non avevano sempre l’opportunità di esprimere.

“Con così tanta enfasi sugli aspetti materiali e commerciali, tendiamo a trascurare ciò che è davvero importante”, ha scritto il vice preside della scuola nei suoi account sui social media. I genitori hanno sostenuto l’iniziativa, come negli anni precedenti, che, oltre alla gratitudine e alla salute mentale, includeva la motivazione degli studenti a praticare sport.

È molto importante educare i bambini in modo che comprendano e possano mettersi al posto di un’altra persona, in modo che possano entrare in empatia con gli altri. La promozione di questi valori è quindi molto importante fin dall’infanzia.

La responsabilità che noi genitori abbiamo nel trasmettere valori ai nostri figli è cruciale.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI