La spia

"Mamma, mamma, in camera mia c'è babbo natale che dice che è mio amico" I genitori capiscono subito cosa sta succedendo e allertano tutti di stare attenti

Non c’è nulla di più importante per i genitori della sicurezza dei loro figli. Quando Ashley LeMay acquistò delle telecamere di sicurezza, pensò che sarebbe stata una buona idea per tenere d’occhio le sue tre giovani figlie. Non immaginò che potessero diventare il bersaglio di un hacker che intacca la privacy della sua famiglia.

“Mentre salivo le scale sentii un rumore molto sospetto, simile al bussare, quindi ho chiesto:    ” Chi c’è? ” . Le telecamere erano installate solo da un paio di giorni, quando tutto ha iniziato ad essere molto sospetto.

La piccola Alyssa LeMay, 8 anni, era nella sua stanza quando sentì una melodia e non sapeva spiegarsi da dove provenisse. La musica si fermò e una voce maschile inizia a parlare con un tono che cerca di essere amichevole.

“Sono il tuo migliore amico. Sono Babbo Natale. ”La bambina guardò dappertutto e non vedendo nessuno, si spaventò.  Chiamò immediatamente sua madre, ma la voce dell’hacker non fece altro che cercare di convincerla che potevano diventare migliori amici.

Fortunatamente, i genitori di Alyssa hanno capito cosa stava succedendo e hanno deciso di accedere ai video delle telecamere di sicurezza per approfondire la questione. “Sono stati in grado di vederle dormire o cambiarsi. Sono stati in grado di vedere troppe cose.” Fu così che si resero conto del terribile pericolo che si era insediato nella propria casa. Un hacker è riuscito ad accedere alla telecamera di sicurezza installata nella stanza delle sue figlie.

Non era la prima volta che parlava con le sue figlie. La stessa voce aveva cercato di rivolgersi alle altre ragazze e aveva fatto loro delle richieste molto strane, come quella di rompere la televisione. “Qualcosa dentro di me mi dice che è qualcuno che ci conosce. Qualcuno vicino a noi ” dice la madre. I genitori hanno presentato un reclamo e si aspettano che venga trovata la parte responsabile.

Un portavoce della compagnia ha dichiarato che la famiglia non aveva le misure di sicurezza necessarie, poichè non aveva attivato l’autenticazione in due passaggi. Si tratterebbe di un meccanismo a cui è possibile accedere alla videocamera solo tramite una password e un codice inviato al telefono cellulare.

“Molte persone usano la stessa password per diversi servizi. Ti consigliamo di utilizzare la verifica utente con due fattori. ” consiglia il produttore.

Alziamo la voce contro questa terribile invasione della privacy subita dalla famiglia LeMay. Speriamo di arrivare al fondo della questione e che nessun’altro debba affrontare qualcosa di così pericoloso in futuro.

Morte Viviana Parisi, parla l'avvocato Claudio Mondello: "Non si è suicidata"

Trovato Manlio Germano, l'autore del post inneggiante la morte di Willy

Viaggia per la prima volta in aereo a 106 per vedere suo figlio gravemente malato

Un uomo canta ai pazienti mentre li trasporta fuori dalla sala operatoria

Pesava 335 chili, ma adesso ne pesa solo sessantanove. Ecco com'è diventata

Morte Miriam Laezza, l'appello della madre su i social

Insegnante rischia la vita per uno scherzo dei suoi studenti