la storia che sta facendo parlare il mondo intero

Viene stuprata e resta incinta, ma beccarsi 30 di prigione è stata proprio lei, mentre il suo aguzzino è ancora in libertà...ecco la storia che sta facendo parlare il mondo intero

Home > Attualità > la storia che sta facendo parlare il mondo intero

Le persone con il ruolo di emettere una decisione nel quadro della regolamentazione legale non dovrebbero mai dimenticare la responsabilità che hanno nelle loro mani. Lungi dal promuovere l’adempimento di una pena in modo che il bene sia al di sopra del male, ma può capitare che un’ingiustizia metta fine alla libertà e alla vita di un essere umano.

Evelyn Beatriz Hernández Cruz, una studentessa di 20 anni della comunità rurale di Cuscatlán, a est di El Salvador, è stata condannata a 30 anni di carcere per omicidio aggravato nel 2016. Questo caso è molto controverso a causa della matrice di opinioni che è stata gestita nei social network. Si presume che questa giovane è stata condannata ingiustamente per aver perso il suo bambino dopo essere stata violentata da un membro di una banda, come parte di un rapporto se$suale forzato. È stata anche condannata per non aver cercato assistenza e controllo durante la gravidanza. La  giovane donna afferma di aver scoperto la sua gravidanza dopo aver sofferto di una emorragia in bagno causata da un forte mal di stomaco e mal di schiena. Proprio in quel momento espulse il bambino lasciandolo nella fossa settica. Alla fine di febbraio dell’anno scorso, le donne salvadoregne hanno tenuto una dimostrazione per chiedere la depenalizzazione dell’aborto in El Salvador. Ritengono che Evelyn faccia parte di una lunga lista di sentenze ingiuste contro donne incinte in questo paese centroamericano. Tuttavia, le entità ufficiali di El Salvador, in particolare l’Ufficio del Procuratore Generale della Repubblica, hanno confermato che la condanna di questa giovane donna non era ingiusta perché sono stati in grado di dimostrare che la giovane donna  ha “agito con malafede” contro il suo bambino.


Un rapporto ufficiale della Procura della Repubblica afferma che durante il processo ha considerato tutte le prove di esperti, testimoniali e documentari che hanno proiettato la responsabilità e la colpevolezza di Evelyn. Secondo le autorità, il rapporto medico legale ha determinato che il neonato è morto per aver risucchiato le feci dopo essere stato trovato all’interno di una fossa settica 12 o 14 ore dopo la nascita.

Il procuratore del caso, collegato all’Unità criminale per bambini, adolescenti e donne, dell’ufficio di Cojutepeque, ha dichiarato che tutte le prove indicavano che intendeva porre fine alla vita di suo figlio. Fonti del Ministero pubblico assicurano che la giovane non ha avuto una perdita spontanea, ma il bambino aveva raggiunto le 38 settimane di gravidanza. La condanna a 30 anni di carcere è per la morte di suo figlio appena nato.

Le autorità hanno espresso la loro sorpresa per le informazioni che sono state divulgate nei media internazionali dove si afferma che Evelyn è stata dichiarata colpevole di un aborto. L’Associazione dei cittadini per la depenalizzazione dell’aborto ha dichiarato che è stata condannata ingiustamente per un omicidio che non ha commesso.

Dennis Muñoz, uno dei difensori di Evelyn, commenta che la Procura non descrive le azioni ferme dell’imputato. Sono prove basate su un pregiudizio di ciò che avrebbe dovuto fare. Uno dei motivi è che la giovane donna non ha effettuato un controllo prenatale, ma non definisce un comportamento specifico che implica l’intenzione di uccidere il suo bambino appena nato, secondo la difesa dell’imputato.

C’è una discrepanza tra le informazioni sulla conoscenza della gravidanza di Evelyn , la quale afferma che non sapeva di essere incinta. L’ufficio del procuratore indica che attraverso uno studio sociale è stato determinato che lei lo sapeva. Evelyn sostiene di non aver partorito, ma di aver avuto un aborto spontaneo. Una fonte ufficiale, ha confermato che le lesioni che ha presentato quando è stata trasferita all’ospedale della comunità sono dovute al parto.

Una dichiarazione del ministero pubblico indicava che il bambino aveva non meno di 20 settimane e quindi non può essere considerato un aborto. In ogni processo è importante che le prove siano valutate e considerate con molta obiettività e responsabilità per evitare di punire ingiustamente coloro che potrebbero non meritarselo. Nel frattempo il colpevole di stupro, continua a godersi la sua libertà.