La storia di Eric

Gli resta poco tempo da vivere, ma ha deciso di dedicarlo ad aiutare i bambini che soffrono ciò che ha sofferto lui. Ecco la storia di Eric

Quando qualcuno viene diagnosticato con una malattia terminale di solito lo invadono tante emozioni: paura , confusione, angoscia, ma questo ragazzo ha preso questa notizia come una sfida per aiutare gli altri. È il caso di un giovane che dedica ciò che gli è rimasto della vita, per essere la voce di molti bambini.

Fin dall’inizio, la vita di Eric Erdman non è stata facile, era un bambino prematuro nato a Millersburg, nell’Ohio, che pesava circa un chilogrammo. Da piccolo ha iniziato a presentare difficoltà di apprendimento, è stato nesso in disparte dai suoi compagni, è stato isolato nel suo mondo.

Timidezza e insicurezza lo afferrarono, era difficile socializzare. È stato vittima di costanti accuse, niente di piacevole per un ragazzo che inizia a vivere. Quando aveva 16 anni gli fu diagnosticato un cancro anaplastico, cioè un cancro al cervello. Ora, con 19, i medici lo hanno informato che ha qualche mese da vivere, ma non si sente sconfitto.

“Il cancro non è arrivato solo per peggiorarmi la vita, mi ha portato anche cose positive. Mi ha dato la mia voce. Condividere la storia con il cancro mi ha permesso di avere una piattaforma nella mia comunità “, ha detto Eric. Ha preso il meglio di sé, e ha deciso di essere una supporto e una guida per i bambini con problemi simili ai suoi, diventando una voce per loro, per esprimere se stessi e farsi sentire.

Non vuole che gli altri passino quello che ha passato lui, la malattia e il rifiuto, è diventato una possibilità di lottare per gli altri. Nonostante abbia attraversato quattro interventi chirurgici al cervello, tre turni di radiazioni e metà ciclo di chemioterapia, è ancora lì, con il suo desiderio di aiutare i bambini con necessità.

Ha creato la fondazione Give a Child a Voice, per bambini come lui, che soffrono fisicamente ed emotivamente, per incoraggiarli a parlare di fronte a circostanze difficili. “Mi sentivo su un’isola. Ho nascosto tutto dentro una bottiglia quando mi sono sentito spaventato. Ma mi sono reso conto che è più doloroso tacere”, ha detto il giovane motivatore.

Ecco perché la sua fondazione ha il motto “Rompere il silenzio”. Inoltre, si occupa di offrire spazi sicuri in cui i bambini possano svilupparsi completamente. “L’esercizio fisico finalmente mi ha dato la sicurezza di dire a mio fratello e mia madre cosa mi stava succedendo”, ha detto il giovane.

Il tempo che gli rimane desidera dedicarsi pienamente a continuare ad aiutare più bambini a essere autori della propria storia. “Potrei non essere in grado di controllare la mia malattia o se i miei tumori crescono. Ma ho trovato la mia voce qualche anno fa, e ora sono l’autore della mia storia ” , ha detto Eric con saggezza.

Indubbiamente, questo giovane con i suoi brevi anni ha fatto più di molte persone in tutta la sua vita. E, soprattutto, la sua eredità durerà a lungo.

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

1,12 euro per una casa

1,12 euro per una casa

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Dora Lagreca, tracce di sangue consegnate dalla famiglia in Procura

Dora Lagreca, tracce di sangue consegnate dalla famiglia in Procura

Puglia: ragazza di 16 anni travolta e uccisa da un treno in corsa

Puglia: ragazza di 16 anni travolta e uccisa da un treno in corsa

Dei giovani stupendi

Dei giovani stupendi

Come mai la pistola di Alec Baldwin era carica?

Come mai la pistola di Alec Baldwin era carica?