La storia di un rifugiato che era ricco

Home > Attualità > La storia di un rifugiato che era ricco

Un uomo lavorava in una fabbrica di cioccolato come manager, dove aveva guadagnato abbastanza per mantenersi e coprire tutte le esigenze della sua giovane figlia e talvolta era anche abituato a dargli piccoli lussi, perché a quale padre non piace viziare i suoi figli? Inoltre, aveva solo lei, non aveva nessun altro al mondo.

Desesperado y con hija hambrienta, él vendía bolígrafos hasta que un extraño le tomó una foto a su hija y descubrió esto

Vivevano molto bene in Libano, ma sfortunatamente a causa della guerra dovettero rifugiarsi a Yarmouk e lasciarsi tutto alle spalle, compresa la loro vita. Senza un soldo in mano, l’uomo iniziò a vendere penne per poter nutrire sua figlia. Improvvisamente la vita ci sorprende o ci dà colpi davvero duri solo per mostrarci quanto siamo forti. Quest’uomo, è passato da essere un manager e guadagnare molto bene, a vendere penne per strada con la sua piccola figlia tra le braccia. Inoltre, non avevano un tetto per ripararsi, né un letto comodo come quello in cui dormivano prima, né il cibo, né il necessario per lavarsi. Ma proprio come la vita ci toglie tutto inaspettatamente, ci dà anche grandi sorprese come ricompensa per tutto il nostro dolore. In un’occasione l’uomo si trovava per strada vendendo le sue penne, quando Gissur Símonarson che è un attivista in Norvegia, è stato catturato dalla scena, da come l’uomo sembrava in difficoltà, trasandato, i suoi occhi erano tristi e la disperazione era leggibile mentre tra le sue braccia portava la figlia, con un profondo amore che la proteggeva da ogni pericolo.

Gissur non esitò a scattare una foto da condividere nelle reti sociali per invitare le persone a condividere in modo da rendere la foto virale, così che il mondo intero fosse consapevole circa la situazione che stavano vivendo i rifugiati, una drammatica situazione che non possiamo nemmeno immaginare, eppure, molti preferiscono chiudere gli occhi invece di aprire i cuori e fornire aiuto secondo le proprie possibilità. “Venditore anonimo” era il nome della fotografia e, naturalmente, ha avuto molte reazioni e commenti.

Fortunatamente l’azione di Gissur ha dato buoni risultati, così buoni che è stato proposto di fare una campagna per donare un po ‘di quello che avevano tutti, così l’uomo avrebbe potuto ricominciare. La generosità della gente ha raggiunto quasi 100 mila dollari, la stessa quantità che è stata consegnata al venditore di penne.

 

Grazie alle persone di buon cuore, finalmente padre e figlia avevano un tetto sulla testa, un letto dove dormire, e del cibo tutti i giorni. L’uomo si è messo subito a cercare lavoro e con quello che era avanzato dalle donazioni era intenzionato ad aiutare altri rifugiati.

Intelligentemente, l’uomo ha aperto un ristorante con ciò che era rimasto dalle donazioni. Adesso ha diversi ristoranti dove lavorano moltissimi rifugiati.

Abdul ha detto:

“Non solo hanno cambiato la mia vita, ma anche quella di mia figlia e di tutta la popolazione della Siria, che ho potuto aiutare con il lavoro e le donazioni”.