La superiorità illusoria di considerarsi sopra la media

Lo scrittore Garrison Keillor creò una città immaginaria chiamata “Lake Wobegon”. Un posto dove, secondo le sue parole, tutte le donne sono forti, tutti gli uomini sono belli e tutti i bambini sono sopra la media. Questa definizione ha dato un nome a un pregiudizio cognitivo come l’effetto di Lake Wobegon, che consiste nel sovrastimare le abilità  e ignorare i difetti.

L'uomo credeva come un esempio dell'effetto di Wobegon Lake

ACQUISTA TAPPETINO FRESCO

Questo fenomeno è stato anche definito parzialità ottimistica ed è un effetto molto comune. In particolare, il 95% dei conducenti si considera al di sopra del resto; come la maggior parte degli studenti pensa di essere al di sopra della media, è una cosa molto comune. In realtà, tendiamo a giudicarci in base ai nostri meriti, agli stereotipi e agli atteggiamenti inconsci. Se ci chiedessero di valutare il nostro livello di intelligenza rispetto al resto del mondo, la maggior parte di noi direbbe che siamo sopra la media. Alcuni potrebbero considerarsi nella media, ma pochissimi riconoscerebbero di essere al di sotto. L’effetto del Lago Wobegon è anche legato alla superiorità illusoria, cioè alla convinzione di essere superiore agli altri anche per ovviare ai difetti e agli errori. In questo modo, l’individuo stabilisce una falsa superiorità in relazione a diversi aspetti come l’intelligenza, la bellezza o il comportamento. “Molti vivono la vita partendo dal presupposto che siano sostanzialmente giusti, sempre e su tutto: le nostre convinzioni politiche e intellettuali, le nostre convinzioni religiose e morali, il nostro apprezzamento verso gli altri, i nostri ricordi, il nostro modo di agire per capire cosa succede. Se ci fermassimo a pensare, qualcuno direbbe che la nostra visione di noi stessi è molto vicina all’onniscienza “.

Pedone degli scacchi che sembra un re in uno specchio a causa dell'effetto del lago Wobegon

Tuttavia, avere una visione favorevole delle proprie capacità non è male, né egoista, né significa che siamo ignoranti, al contrario, ci aiuta. Il problema si verifica quando non sappiamo come impostare un limite e crediamo di essere i migliori in tutto, dimenticando che anche noi abbiamo carenze e che ci sono molte altre persone con buone qualità.”Molte delle difficoltà che il mondo sta attraversando sono dovute al fatto che gli ignoranti sono completamente sicuri e gli intelligenti sono pieni di dubbi”.
-Bertrand Russell-

Donna che guarda dall'alto in basso un uomo

Come affermava Charles Darwin , “l’ignoranza genera più sicurezza che conoscenza”. Pertanto, la superiorità illusoria tende a verificarsi più nelle persone incompetenti che tendono a sovrastimare le loro capacità. Miope per riconoscere le capacità e le capacità degli altri.

Questo autoinganno è il problema della consapevolezza cognitiva sono solitamente collegati alla vanità che caratterizza questo tipo di persona; quindi, oltre ad essere considerati superiori, questi individui non sono in grado di riconoscere i loro errori. Accettare di non sapere qualcosa o di non avere certe abilità o qualità è impossibile per loro.

La cosa più interessante di questo pregiudizio cognitivo è che più sei incompetente, minore è la consapevolezza che ne hai. Tendono ad essere persone che vantano le loro capacità intellettuali, la loro cultura e la loro intelligenza, quando non presentano realmente tali abilità cognitive o culturali. E, quel che è peggio, non ne sono consapevoli e persino l’insicurezza li domina anche se non lo mostrano.

Risultati immagini per superiorità

Le conseguenze dell’effetto Lake Wobegon
Gli psicologi Justin Krugger e David Dunning della Cornell University di New York hanno percepito che, in generale, quelle persone che erano chiaramente al di sotto della media in termini di capacità intellettuale e conoscenza si ritenevano le persone più intelligenti del posto. Nietzsche chiamava questo gruppo di persone bildungsphilisters o ignoranti apprese, ignoranti che vantano i loro titoli e anni di esperienza.

Le persone con rendimenti leggermente più alti sono associate alla percezioni di essere inferiori rispetto alle loro qualità reali, cioè sottostimano le loro attitudini. Inoltre, dubitando di se stessi tendono ad essere più insicuri ed esitanti verso gli altri e quindi, ispirano meno fiducia. La sovrastima dell’incompetente insieme alla sottovalutazione delle persone con prestazioni migliori, in molti casi, rende il primo ad essere preso in considerazione grazie alla sicurezza e fiducia in se stessi. Ciò significa che ci lasciamo trasportare dalle prime impressioni.

Inoltre, la mancanza di capacità di identificare i limiti intellettuali derivanti dall’effetto Lake Wobegon porta a due problemi: il prendere decisioni sbagliate e l’incapacità di autocritica. Questo implica un blocco nella capacità di crescere ed evolvere personalmente. L’esistenza di questo effetto ci porta a riflettere non solo su dove ci troviamo in termini di valutazione personale, ma anche su come valutiamo gli altri. Osserviamo le capacità e le qualità delle persone o semplicemente, confidiamo nella sicurezza che dimostrano senza contrastarla?

“Ci sono due cose infinite: l’universo e la stupidità umana. E dell’Universo non ne sono sicuro.”
-Albert Einstein-