La truffa

"Aiutatemi, ho il cancro e non ho soldi per le cure". Il suo aspetto era troppo raggiante, 40 enne sotto accusa dopo aver raccolto 58.000 dollari in donazioni

Home > Attualità > La truffa

Nel mondo ci sono ancora persone che sono disposte a fidarsi e aiutare quelli che ne hanno bisogno, specialmente quando si tratta di una malattia. Su Internet ci sono diverse piattaforme in cui le persone possono presentare il loro caso per ricevere aiuto dagli altri. La cosa triste delle piattaforme di aiuto accade quando queste persone incontrano casi come Nicole Elkabbas, una donna che fingeva di avere il cancro per ricevere donazioni monetarie.

Nicole Elkabbas, una donna di 40 anni, è stata accusata di aver commesso frodi fingendo di avere un cancro, il suo obiettivo era quello di raccogliere $ 56.000 per i presunti trattamenti che aveva subito. È così che il 5 aprile la donna è stata accusata di aver commesso sei frodi tra febbraio e agosto 2018, durante i quali ha raggiunto e superato il traguardo, raccogliendo $ 58.000. I detective della direzione per i crimini gravi del Kent e dell’Essex erano incaricati di eseguire l’indagine corrispondente e furono loro a concludere che la donna aveva inventato la malattia che dichiarò di soffrire. “L’accusa contro di lei è perché ha affermato di avere necessità di denaro per curare la sua malattia, al fine di ricevere donazioni da parte del pubblico tra febbraio e agosto 2018,” ha detto un portavoce della polizia. Nicole Elkabbas ha anche pubblicato una foto nella pagina che chiede donazioni, che giace in un letto d’ospedale presumibilmente ricevendo un trattamento medico.

Nicole era nota perché era apparsa in televisione come comica, ma ora lo scandalo l’ha raggiunta e presto dovrà comparire davanti ai giudici che delibereranno sul suo caso. Nonostante la sua presunta malattia, la donna sembrava sempre radiosa

Senza dubbio questi casi, perché non è il primo, mettono in discussione tutte le persone che usano le piattaforme per chiedere donazioni per qualsiasi motivo, il che è spiacevole perché ci sono quelli che ne hanno veramente bisogno, e persone come Nicole fanno solo del male a questo tipo di campagne.

La cosa migliore è che il caso stato chiarito e che le stesse piattaforme implementeranno metodi accurati per verificare che chi li usa non cerchi di sfruttare la buona volontà delle persone. Nel caso in cui la frode di Nicole sia vera, dovrà affrontare le accuse imposte su di lei, e inoltre, gli utenti hanno ricevuto il rimborso delle donazioni per la sua causa, rimane solo il verdetto.

Atti come questo ci fanno perdere la fiducia nell’umanità, dimostrando che ci sono molte persone senza scrupoli capaci di mentire un centinaio di volte con il solo scopo di soddisfare la loro avidità. Fortunatamente, nessuno può sfuggire alla giustizia.

Condividi questa storia con tutti i tuoi amici in modo che le persone che cercano di aiutare gli altri prestino particolare attenzione nella scelta di chi aiutare e possono evitare di diventare vittime di frodi.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI