La vita non va sempre come immaginiamo.

La vita non va sempre come immaginiamo. Basta chiedere a Torrin Breneman. Per tre anni ha investito tutto il suo tempo e il suo impegno per aiutare i bambini malati in modo molto altruista: facendo loro visita e donando i suoi capelli. Ma poi la sua vita ha preso una svolta drastica e tutto è iniziato con una tosse persistente.


Tre anni fa, Torrin ha fatto una scoperta: molti bambini che hanno il cancro perdono i capelli durante il trattamento. Sebbene l’obiettivo principale del trattamento del cancro sia, naturalmente, il ripristino della salute della persona, l’aspetto che assumono può influire notevolmente sulla loro autostimae questo lo ha scoperto dopo aver stretto amicizia con uno ragazzino malato. L’organizzazione no-profit Wigs For Kids aiuta questi bambini che hanno perso i capelli. Ricevono donazioni di capelli e ne fanno delle parrucche, poi le regalano gratuitamente ai bambini. Torrin ha voluto aiutare, quindi per tre anni ha lasciato i capelli crescere per poi donarli a questa ONG.  I capelli di Torrin confondevano gli estranei, che a volte lo confondevano per una ragazza e alcuni lo molestavano persino a scuola. Ma Torrin ha continuato a far crescere i suoi capelli fino a marzo, voleva fare qualcosa per quei bambini che spesso visitava. Quando sono diventati abbastanza lunghi li ha donati. Poi, sei mesi dopo, Torrin iniziò improvvisamente a soffrire di tosse forte. I genitori lo portarono in un ospedale per bambini. A settembre, gli è stato diagnosticato un linfoma di Hodgkin, un cancro che si sviluppa nel sistema linfatico. Quando le persone nel quartiere di Torrin lo hanno scoperto, hanno iniziato a raccogliere fondi per sostenere la sua famiglia.

L'immagine può contenere: 24 persone, persone che sorridono, folla

Torrin non vedeva l’ora di assistere a uno spettacolo di lotta, ma nonostante avessero già i biglietti non è andato a causa del suo stato di salute debole.

L’8 ottobre la madre di Torrin, Carrie, ha scritto su Facebook: “Molte persone sono deluse dal fatto che Torrin sia rimasto in ospedale invece di andare a vedere lo spettacolo, ma onestamente, qui viene continuamente monitorato, quindi mi sento molto più sicura”.

Speriamo solo che Torrin si riprenda il prima possibile. Per favore, condividi per rendere omaggio a questo ragazzo dodicenne che ha trascorso tre anni aiutando altri bambini affetti da cancro e ora ha bisogno lui di sostegno.