l’aldilà

Dopo 27 minuti senza vita chiede un foglio e una penna per scrivere ciò che ha visto nell'aldilà

Finora nessuno è sicuro di sapere cosa succede dopo la morte, anche se quei pazienti che sono riusciti a rianimarsi e tornare in vita hanno messo in relazione la loro testimonianza per offrire una visione chiara del cielo. Recentemente è arrivata la storia di Tina Hines, una donna che ha smesso di respirare per 27 minuti dopo aver subito un arresto cardiaco.

Brian Hines, il marito della donna, ha riferito che quando stavano per godersi una passeggiata regolare vicino a casa loro a Phoenix, è crollata. Dopo che Tina cadde a terra ha iniziato l’applicazione di tecniche di rianimazione cardio polmonare (CPR), secondo i medici, la sua manovra ha salvato Tina. Durante l’arrivo dei servizi di emergenza ha fatto rivivere due volte la moglie e madre dei suoi quattro figli. Tina ha trascorso 27 minuti senza respirare dopo aver subito un arresto cardiorespiratorio. Quando Tina è stata intubata nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale ha improvvisamente aperto gli occhi e ha fatto un gesto con la mano chiedendo un foglio e una penna. Ha scritto con grande difficoltà lettere interlacciate in cui si poteva leggere: “È reale”. Quando i parenti che l’accompagnavano le chiesero cosa intendesse con il suo messaggio, alzò lo sguardo cercando di indicare il cielo. “Ero faccia a faccia con Gesù”, disse Tina , dopo essersi svegliata dal coma indotto. Secondo i medici del Deer Valley Hospital in Arizona, ha smesso di respirare per 27 minuti, hanno usato il defibrillatore sei volte per rianimarla, mezz’ora dopo essere arrivata all’ospedale si è svegliata.

Tina ha detto a uno sbocco mediatico: “Era molto reale, i colori erano molto vibranti”, ha detto di aver visto una figura che sembrava Gesù davanti alle porte e una luce brillante. Secondo diversi studi, circa il 20% dei sopravvissuti all’arresto cardiaco afferma di avere visioni ed esperienze sensoriali associate alla morte. Scientificamente, cercano di giustificare ciò che è accaduto con teorie che non sono ancora supportate.

Un gruppo di ricercatori della University of Michigan ha condotto uno studio sui topi, hanno scoperto che nel cervello dei roditori che soffrono un arresto cardiaco, si verifica un’attività con livelli di eccitazione e iperattività insolita.

Secondo la ricerca, l’attività cerebrale altamente sincronizzata obbediva a un cervello estremamente eccitato. Questo fatto che si verifica prima della morte è associato a pensieri e visioni complesse.

Tina racconta cosa è successo, impressionando e spostando tutti i suoi cari. Sua nipote, Madie Johnson, ha tatuato la frase che ha scritto quando è tornata in vita.

Il caso di Tina ha causato trambusto nelle reti, non lasciarlo senza condividerlo. Raramente ci sono testimonianze del “oltre”.

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

Gaiarine, Simone Furlan è morto dopo aver accusato un forte mal di testa ed un'infiammazione alle gengive

Trova un quadretto nella spazzatura

Trova un quadretto nella spazzatura

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Mamma 23enne di 11 figli ne vorrebbe altri

Mamma 23enne di 11 figli ne vorrebbe altri

Lutto a Spoltore, Gaia Pangiarella è morta a soli 19 anni

Lutto a Spoltore, Gaia Pangiarella è morta a soli 19 anni

Bimba di 5 mesi morta in un incidente stradale in Bulgaria, viveva con la famiglia a Padova

Bimba di 5 mesi morta in un incidente stradale in Bulgaria, viveva con la famiglia a Padova

Pietro Genovese torna libero: il ventunenne deve scontare ancora 3 anni e 7 mesi

Pietro Genovese torna libero: il ventunenne deve scontare ancora 3 anni e 7 mesi