L’ambulanza arriva dopo sei ore

Inciampa e cade a terra. I soccorsi arrivano dopo sei ore dalla chiamata al pronto soccorso. Ecco il tragico destino di questa mamma

La rapida attenzione dei servizi di ambulanza è decisiva per salvare la vita delle persone in condizioni pericolose o incidenti. Ma non è successo a una madre nel Regno Unito che ha dovuto aspettare sei ore per essere curata, il giorno successivo la fine è stata tragica. Donna Gilby è una donna di 47 anni che vive in Galles, nel Regno Unito. Un giorno, mentre scendeva dal veicolo, ebbe un lieve inciampo, il pavimento era bagnato, scivolò e cadde a terra.

L’incidente è avvenuto alle otto circa del mattino, aveva appena lasciato la sua casa situata a Cwmaman, con la caduta fratturata si fratturò la caviglia. Quando i suoi vicini la videro, si avvicinarono per aiutarla, la coprirono con delle coperte e chiamarono la famiglia e il servizio medico di emergenza.

La forte caduta generò immediatamente un grande dolore alla schiena e non riusciva nemmeno a muoversi. Era prostrata sul marciapiede duro e ghiacciato in attesa dell’arrivo dell’ambulanza tanto attesa, nessuno ha osato spostarla per paura di farle del male o ferirla di più.

“La donna aveva seri problemi alla schiena, quindi non poteva alzarsi dal pavimento. Anche i vicini non hanno osato sollevarlo per lo stesso motivo “, ha detto un rappresentante di un giornale britannico.

Sebbene tutte le chiamate necessarie al servizio di emergenza siano state fatte per essere portata al più presto in ospedale, non è stato possibile vedere arrivare sul luogo degli eventi l’ambulanza fino a dopo sei lunghe ore. Gareth Gilby, il padre di Donna, ha riferito che quando ha chiamato gli operatori dei servizi di emergenza, hanno solo detto che erano completamente occupati in quel momento.

“Abbiamo a che fare con un intenso traffico di chiamate, arriveremo il prima possibile”, ha detto un impiegato del servizio di ambulanza. Quando finalmente è apparsa l’ambulanza Donna, è stata trasferita al Prince Charles Hospital, a Merthyr Tydfil. Ma la lunga attesa ha colpito la donna e, sfortunatamente, il giorno successivo la donna ha subito un infarto e purtroppo è morta.

Gli organi investigativi della polizia hanno avviato indagini rigorose per scoprire cosa è successo. Da parte sua, il servizio di ambulanza in Galles si è scusato per il lungo ritardo. “Siamo profondamente dispiaciuti per la morte della signora Gilby ed estendiamo le nostre condoglianze alla sua famiglia. Ci dispiace che la nostra risposta non sia stata quella che avremmo voluto in quell’occasione.

Il nostro servizio di ambulanza esiste per prenderci cura delle persone e il nostro team soffre dello stesso dolore e frustrazione dei pazienti e dei loro cari in una situazione come questa”, ha affermato il capo del servizio di ambulanza gallese.

Sfortunatamente, in questi casi, un tale ritardo può costare alle persone la loro vita, e dopo ciò non è possibile fare nulla, proprio come è successo con Donna.

Berlusconi è ancora positivo al Coronavirus: "Sto bene, mi sento un leone"

Marco e Gabriele Bianchi trasferiti nel braccio G9 di Rebibbia, già problemi con gli altri detenuti

Alex Zanardi sarà sottoposto ad un altro intervento di ricostruzione cranio-facciale

Antonio Sartori, nonno di 77 anni, morto dopo 3 giorni di agonia

Tragedia a Venaria: Antonino La Targia spara alla moglie e poi si toglie la vita

Incidente a Petritoli: Kristian è morto a 10 anni, il padre è in pericolo di vita

Adeline Fagan ragazza di 28 anni, morta a causa del Covid