Laura Cristofanelli

Laura Cristofanelli morta a 41 anni per un malore, il corpo trovato nella sua casa di Bologna

L'allarme è stato lanciato dai genitori

Una città intera in lutto per la scomparsa di una giovane donna. Laura Cristofanelli è morta a 41 anni per un malore che l’ha colpita mentre si trovava in casa. La donna, che lavorava nel mondo della moda, non dava notizia di sé e i genitori allarmati sono andati a controllare nella sua abitazione di Bologna, trovandola senza vita.

Laura Cristofanelli morta a 41 anni per un malore

La donna di 41 anni è morta a causa di un malore. Abitava a Bologna, ma era originaria di Mogliano, comune in provincia di Macerata. Viveva in Emilia Romagna perché lavorava da diversi anni nel mondo della moda. Lunedì sera aveva chiamato la madre dicendo che non stava troppo bene.

Il giorno seguente i genitori di Laura Cristofanelli hanno provato a chiamarla, senza mai riuscire a mettersi in contatto insieme a lei. Così sono partiti dalle Marche per raggiungere il capoluogo emiliano, ma al campanello dell’abitazione della figlia 41enne non rispondeva nessuno.

La famiglia di Laura Cristofanelli, allora, si è rivolta ai vigili del fuoco, che hanno aperto la porta di casa, trovando il corpo della donna di 41 anni ormai privo di vita. Deve aver avuto un malore nella notte tra lunedì e martedì che non le ha dato scampo.

I genitori non hanno potuto far altro che riportare a casa la maggiore dei loro tre figli: Laura, infatti, lascia non solo la madre e il padre, ma anche i fratelli Giorgio e Federica. Lei lavorava a Bologna con un’agenzia di moda con sede nel centro storico della città.

Laura Cristofanelli morta a 41 anni per un malore, una comunità in lutto per la grave perdita

La famiglia di Laura era molto conosciuta nella città di origine della ragazza. I genitori avevano gestito per molti anni il ristorante Pompei, nella frazione Macina.

Laura Cristofanelli

I funerali si svolgeranno a Mogliano, nella chiesa di San Gregorio Magno, venerdì alle ore 16. La camera ardente sarà allestita nella casa funeraria della Croce Verde Servizi, in contrada Chienti (nella frazione di Sforzacosta).