Lauria, è morta Giovanna Pastoressa. La famiglia ha donato gli organi.

Si è spenta Giovanna, la ragazza di 28 anni travolta da una trave lo scorso venerdì. 😔💔

Lo spiacevole incidente, è accaduto lo scorso venerdì a Lauria, in provincia di Potenza. Una tromba d’aria ha sradicato una trave, che nella caduta, si è scagliata contro la palestra Cam Sport&Benessere. Tra tutti i feriti, c’era una ragazza in gravi condizioni, Giovanna Pastoressa, una psicologa di circa 28 anni.

La giovane ha riportato dei gravissimi traumi alla testa. E’ stata portata con urgenza immediata all’ospedale di Lagonegro, per essere poi trasferita al San Carlo di Potenza.

Il team ospedaliero si è subito mobilitato per fare il possibile per salvarle la vita. Giovanna è stata anche sottoposta ad un intervento, durante la notte, ma i danni riportati erano troppo gravi. Ieri, i medici hanno comunicato la sua morte celebrale.

Il direttore sanitario dell’ospedale dove Giovanna si è spenta, ha comunicato, tramite un comunicato stampa, il generoso atto che che la famiglia ha deciso di fare dopo la morte della ventottenne: “Il consenso alla donazione degli organi è un atto di grandissima solidarietà e generosità che, in un momento così difficile, restituisce senso di speranza a chi avrà la fortuna di continuare a vivere grazie a questo gesto di viva umanità”

La comunità è sconvolta e la famiglia di Giovanna, travolta del dolore. Anche il sindaco di Tursi ha voluto salutare la giovane, con un post sulla pagina Facebook del comune:

“Esprimo la mia totale e profonda vicinanza alla comunità di Lauria per quanto accaduto nelle scorse ore al “PalAlberti” dove parte dei detriti della struttura sono caduti su una palestra adiacente causando diversi feriti, tra questi anche il figlio del nostro ex governatore Marcello Pittella e la morte della giovane Giovanna Pastoressa.

Sono vicino alle famiglie colpite direttamente da questa sciagura, in particolare alla famiglia Pastoressa per la perdita della cara Giovanna, brillante psicologa che ha avuto la sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato nel momento sbagliato, cosi come rinnovo la mia vicinanza al collega Sindaco Angelo Lamboglia che sono certo saprà fare fronte comune con la sua comunità per superare i momenti difficili e drammatici che si stanno vivendo in questi giorni.

Noi Sindaci abbiamo un cuore e questo oggi batte per Giovanna e la sua famiglia in queste ore cosi drammatiche dove si è costretti a dire addio ad una figlia bella come il sole e raggiante come la vita, la stessa che la famiglia Pastoressa ha deciso donare ad altre persone con gli organi della propria figlia in un ultimo grande gesto di generosità.”

Supermercati a Napoli assaltati: scaffali vuoti

Antonio De Marco ha confessato l'omicidio di Daniele De Santis e Eleonora Manta

Arrestato Antonio De Marco: è lui il presunto assassino di Lecce

Berlusconi è ancora positivo al Coronavirus: "Sto bene, mi sento un leone"

Rovereto, neonato muore 30 ore dopo la nascita

Marco e Gabriele Bianchi trasferiti nel braccio G9 di Rebibbia, già problemi con gli altri detenuti

Feto abortito in un cassonetto, mamma scoperta dopo un ricovero