L’autopsia del piccolo Julen

Prime ipotesi sull'autopsia del piccolo Julen

Home > Attualità > L’autopsia del piccolo Julen

AGGIORNAMENTO SULL’AUTOPSIA DI JULEN: 

Secondo alcune fonti, molto vicine alle indagini e secondo i più importanti giornali spagnoli, il corpicino del piccolo Julen, ha diversi lividi per tutto il corpo. La prima ipotesi dei ricercatori, è che siano stati diversi gli impatti con il terreno, prima che il suo corpo arrivasse a fermarsi. Questi, però, sono solo esami preliminari. Attendiamo ulteriori aggiornamenti e i risultati definitivi.

AGGIORNAMENTO 26 GENNAIO: Ieri, fino a tarda notte, siamo stati tutti con gli occhi incollati sulle dirette spagnole, in continua ricerca su Google, per cercare di capire cosa stesse succedendo in Spagna e quanto i minatori ci mettessero per trovare il piccolo Julen. Ieri pomeriggio c’erano quasi, ma poi una vena di quarzite, ha richiesto una quarta micro esplosione e ciò ha rallentato tutto il lavoro di ore.

Il nostro cellulare faceva circa le 02:30, questa notte, quando i giornali spagnoli, ci hanno dato la triste notizia, che i soccorritori, all’01:25, hanno trovato il corpo del piccolo Julen, senza vita. Troppi giorni e un po’ ce lo aspettavamo, ma abbiamo continuato a sperare, fino alla fine. Oggi sarà fatta l’autopsia sul corpo del piccolo Julen e ci sapranno dire da quanti giorni era morto. Secondo alcune fonti, la caduta è stata libera, fino al punto in cui si è fermato. Questa mattina alle 11:00 in tutta la Spagna è stato fatto un minuto di silenzio per il piccolo angioletto. Facciamolo anche noi, alla fine di questo articolo.

Il Comune di Totalán ( Málaga ) ha decretato tre giorni di lutto ufficiale per la morte di Julen. Adesso è tutto nelle mani del tribunale, poiché il pozzo, è illegale. Quest’ultimo è stato momentaneamente coperto con una lastra di acciaio di 600 chili, per evitare qualsiasi ingresso. L’intenzione è di riempire il pozzo e il tunnel e di sigillarli, ma per farlo bisogna aspettare l’autorizzazione giudiziaria.

Nel video di seguito, potete vedere i minatori, mentre combattono contro la dura roccia. Capirete così, perché ci hanno impiegato tanto:

Il papà di Julen, ieri, ha avuto una crisi di ansia e poi un malore ed è stato portato via in ambulanza. Ricordiamo che questi due genitori, José Roselló e Victoria García, due anni fa, hanno già perso un altro figlio. Il piccolo aveva tre anni ed è morto, improvvisamente, mentre camminava con loro sulla spiaggia. E’ con lui, che adesso Julen si trova, libero… e corrono e giocano felici. Ci piace pensarla così. ♥