le lacrime non erano di tristezza

Si chiama Dylan, ed è il giovane che ha fatto piangere un signore anziano di 91 anni in un ristorante, scatenando le reazioni di migliaia di utenti. Ma attenzione le lacrime non erano di tristezza

Molte persone da tutto il mondo si sono coalizzate nel congratularsi con il bellissimo atto di gentilezza di Dylan Tetil, un cameriere di Eat ‘N Park, un ristorante in Pennsylvania, negli Stati Uniti, che ha usato i suoi minuti di pausa per stare accanto a un veterano dalla seconda guerra mondiale di 91 anni che stava cenando da solo.

Le scene diffuse sui social network hanno suscitato scalpore, quasi 260 mila mi piace, oltre 76 mila reazioni e in un era in cui i post sui social media sono afflitti da negatività, questo ci dà speranza. “Era molto interessante, molto gentile e rispettoso. Una delle persone più belle che abbia mai incontrato qui”, ha detto Tetil.

Nel frattempo, Lisa Meilander , una frequente cliente del ristorante, cenava vicino all’anziano quando avvenne l’incontro tra lui e il suo cameriere, e riuscì a fotografare il momento in cui Dylan si inginocchiò per prendere l’ordine del signore di 91 anni noto come “Frank”, che soffre di problemi di udito, si sedette pazientemente con lui per ascoltare le sue storie interessanti.

Alla fine l’uomo disse che si sentiva molto solo e senza nessuno con cui parlare, quindi in lacrime, si scusò per aver parlato così tanto e non aver ascoltato troppo bene, a cui Dylan rispose sorridendo che non doveva preoccuparsi perché amava ascoltare. “Ho ascoltato attentamente alcune delle sue storie. Ha parlato della guerra, delle ferite che ha avuto, dei luoghi in cui è stato, della sua famiglia. Le lacrime gli scorrevano sul viso.

“si può dire che quest’uomo non aveva avuto una persona con cui parlare da molto tempo”, ha detto Tetil. Dopo aver assistito al dolce momento e aver ascoltato le storie del gentile veterano di guerra, Meilander voleva sostenere le spese del conto dell’uomo, tuttavia un altro commensale lo aveva già anticipato. “Immagino che non fossimo i soli a sentire la conversazione”, scrisse Meilander.

La donna ha anche detto che la gentilezza di Dylan era come una boccata d’aria fresca e che, si spera, che questo bellissimo atto di compassione possa ispirare gli altri a ripeterlo e rendere il nostro mondo un posto migliore in cui vivere insieme.

Sicuramente, la nostra storia oggi ci mostra che gli atti di amore, tra cui la generosità, la compassione, l’offerta di aiuto, l’offerta di conforto, la donazione di denaro, ecc., Ci avvantaggiano tanto o di più per noi che per coloro che li ricevono.

Fare del bene a caso, migliora anche la nostra salute e ci fa sentire parte di qualcosa, che si traduce in un livello più alto di felicità per le nostre vite. Ecco perché Dylan è oggi un grande modello di umanità. Grazie per questo, Dylan Tetil!

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Vicenza, scoperto il possibile movente dietro l'omicidio di Alessandra Zorzin: cosa è emerso

Vicenza, scoperto il possibile movente dietro l'omicidio di Alessandra Zorzin: cosa è emerso

Mamma 23enne di 11 figli ne vorrebbe altri

Mamma 23enne di 11 figli ne vorrebbe altri

Norm MacDonald, star della televisione d'oltreoceano, è morto a soli 61 anni

Norm MacDonald, star della televisione d'oltreoceano, è morto a soli 61 anni

Caso Denise Pipitone: Sabrina, la ragazza della Tunisia, farà il test del DNA

Caso Denise Pipitone: Sabrina, la ragazza della Tunisia, farà il test del DNA

Omicidio Alessandra Zorzin, scomparso i telefoni della vittima e del suo assassino

Omicidio Alessandra Zorzin, scomparso i telefoni della vittima e del suo assassino

Tragedia a Napoli, bambino di 4 anni caduto dal terzo piano: è morto

Tragedia a Napoli, bambino di 4 anni caduto dal terzo piano: è morto

Olesya Rostova: la trasmissione russa ha rintracciato la donna nomade

Olesya Rostova: la trasmissione russa ha rintracciato la donna nomade