Le speranze di vivere per il piccolo Brayden

Le speranze di vivere per il piccolo Brayden , si stavano esaurendo. Nel mezzo del dolore un infermiera decide di salvargli la vita. Ecco una storia di umanità

Brayden Auten, è il nostro piccolo eroe, un bambino di soli 8 anni che ha iniziato a vivere nel modo migliore dopo aver subito un trapianto di fegato di cui aveva bisogno per ritrovare la speranza. Il 25 aprile, il bambino aveva iniziato a sentirsi male, con diarrea e mal di stomaco che erano costanti.

Inizialmente i loro genitori, James e Ruth Auten, del Wisconsin, pensarono che si trattasse di influenza, una malattia comune nei bambini della loro età, ma qualcosa nei suoi occhi li fece preoccupare.

Brayden aveva gli occhi molto gialli, quindi senza pensarci un secondo di più fu portato in ospedale per essere curato immediatamente, tuttavia, la sua salute peggiorò e anche la sua pelle iniziò a ingiallire.

I medici eseguirono un’ecografia e notarono che il fegato del bambino non funzionava correttamente. I suoi genitori non sapevano molto bene cosa stesse succedendo al loro figlio, quindi in quel momento furono presi da paura e sconforto.

Il fegato di Brayden aveva smesso di funzionare.

I medici non erano sicuri sul virus che stava colpendo il fegato, ma sapevano che avevano urgentemente bisogno di un trapianto .

I genitori hanno dunque iniziato la ricerca instancabile di donatori, tutti i familiari e gli amici sono stati sono stati sottoposti a test ma nessuno era compatibile. Fino a quando Cami Loritz, infermiera di terapia intensiva, ha appreso della difficile situazione del bambino e si è iscritta come possibile donatrice. Fortunatamente era compatibile.

Loritz voleva rimanere anonima fino a dopo l’intervento chirurgico.

L’intervento è stato eseguito con successo il 14 maggio presso l’ospedale Froedtert. L’ospedale ha deciso di organizzare un piccolo incontro due settimane dopo l’intervento in modo che Brayden e Cami si incontrassero. La madre del ragazzo dice che all’inizio suo figlio non capiva tutto quello che era successo, mentre ora pensa a Cami come a una sorella maggiore. Il 14 giugno, Brayden Auten è stato dimesso.

La famiglia sarà eternamente grata per il meraviglioso gesto dell’infermiera, che senza nemmeno conoscere il bambino gli ha salvato la vita.

In un post Loritz voleva motivare più persone possibili a salvare vite umane, parte della sua dichiarazione afferma:

La donazione di organi di persone viventi è un concetto praticabile per salvare molte vite. Oltre a tutto l’amore e il sostegno che abbiamo ricevuto, chiediamo il tuo aiuto per educare il pubblico e sensibilizzare sulla donazione di organi viventi. Aiutaci a ridurre il deficit tra la quantità di organi necessari e il numero di organi disponibili “.

Il bambino oggi gode di ottima salute, di una vita piena, circondato dagli affetti di amici e familiari che non hanno parole per ringraziare tutto ciò che ha fatto Cami Loritz, una donna dal cuore grande, per il loro figlioletto.

 

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Tragedia in provincia di Vicenza, Alessandra Zorzin una giovane mamma di 21 anni, è stata uccisa nella sua abitazione

Tragedia in provincia di Vicenza, Alessandra Zorzin una giovane mamma di 21 anni, è stata uccisa nella sua abitazione

Dramma a Caltanissetta, bambina di 8 anni in ospedale dopo aver ingerito cocaina

Dramma a Caltanissetta, bambina di 8 anni in ospedale dopo aver ingerito cocaina

19enne muore per tumore: il medico aveva detto che era solo ansia

19enne muore per tumore: il medico aveva detto che era solo ansia

L'ultimo saluto a Chiara Ugolini e il movente del suo omicidio

L'ultimo saluto a Chiara Ugolini e il movente del suo omicidio

La nota attrice Tanya Fear è scomparsa: l'appello della famiglia

La nota attrice Tanya Fear è scomparsa: l'appello della famiglia

Olesya Rostova: la trasmissione russa ha rintracciato la donna nomade

Olesya Rostova: la trasmissione russa ha rintracciato la donna nomade

"Lo tengono come un prigioniero!" Le dichiarazioni dello zio di Eitan Biran sulle sue condizioni

"Lo tengono come un prigioniero!" Le dichiarazioni dello zio di Eitan Biran sulle sue condizioni